Domande e risposte sulla meditazione

10 domande e risposte scomode per un principiante

Hai deciso di iniziare a correre, ma non sai da dove iniziare? Tutti i corridori dilettanti e persino i professionisti hanno affrontato un problema simile. Quando impari qualcosa di nuovo, le domande sono inevitabili e non dovresti esitare a chiederle. Per aiutarti a familiarizzare con la corsa, il campionato ha risposto alle domande più frequenti dei principianti sulla corsa.

Cos'è il ritmo?

No, questa non è una ciocca di capelli sulle tempie o una moneta a Bombay. Tutto è molto più semplice: il ritmo (dal ritmo inglese) è il ritmo della corsa, la velocità del corridore, misurata nel numero di minuti per i quali corri un chilometro. Nella comunità di corsa di lingua russa, le parole ritmo, ritmo, velocità sono usate allo stesso modo, preparati solo ad ascoltare una qualsiasi delle opzioni.

Come misurare la mia velocità di corsa?

Nella corsa individuale non competitiva, la velocità non è così importante , il comfort e il piacere di fare jogging sono più importanti. Ma se vuoi venire in un club di corsa o organizzare un allenamento in comune con un amico, è meglio conoscere il tuo ritmo in anticipo in modo da essere pronto per il carico che ti verrà offerto. Per misurare il ritmo, vengono utilizzate più spesso le applicazioni in esecuzione installate nel telefono o un orologio sportivo con la funzione di calcolo del chilometraggio, del tempo e della velocità. Un corridore alle prime armi non ha bisogno di acquisire immediatamente costosi gadget nuovi, usa il tuo smartphone. Tutto ciò di cui hai bisogno è la geolocalizzazione abilitata e una delle app per la corsa che si espandono ogni giorno (Strava, Nike + Running club, Runtastic, ecc. - scegli in base ai tuoi gusti, le opzioni sono quasi le stesse).

10 domande e risposte scomode per un principiante

Foto: istockphoto.com

Quanto ti serve per correre in un allenamento per non vergognarti ?

Questa è, ovviamente, più una questione di coscienza e dei tuoi obiettivi. Ognuno corre in modi diversi: ad alcune persone piace correre un chilometro come riscaldamento prima dell'allenamento di forza, per altri 30 km non sono sufficienti per ricaricarsi e tirarsi su. Ognuno stabilisce il livello per se stesso, ma, ad esempio, per perdere peso, allenatori e nutrizionisti consigliano di correre per almeno 30 minuti - dopo questo intervallo di tempo, iniziano i processi che promuovono la combustione attiva dei grassi.

Perché è difficile per me correre?

Pochissime persone possono ottenere immediatamente risultati nella corsa, la maggior parte richiede anni (!) di duro lavoro. Pertanto, è difficile: questo è normale, sii paziente e continua a lavorare su te stesso. Se le difficoltà con la corsa sono dovute al fatto che il tuo cuore fa male / il ginocchio fa male / i crampi ai polpacci, ecc., Allora prova a regolare l'intensità del carico, prenditi del tempo per allungarti, ripristinare la respirazione e lascia riposare il tuo corpo tra una corsa e l'altra. Con il tempo il corpo si abituerà al nuovo tipo di carico e sarà più facile e piacevole correre.

Come respirare correttamente?

Non esiste una regola, quindi quale è più conveniente per te. Puoi solo ascoltare i consigli dei corridori più esperti e provare le loro tecniche per te stesso. Ad esempio, gli insegnanti di educazione fisica raccomandano di inspirare dal naso, espirare dalla bocca e respirare dolcemente. Noi eTi consigliamo di sincronizzare la tua respirazione con i passi: inspira per 4 passi ed espira anche per 4 passi, quindi la respirazione non andrà fuori strada, indipendentemente dalla velocità.

Come correre correttamente: dal tallone o dalla punta?

Vai a correre e prova a posizionare il piede in diversi modi per avere un'idea di un'opzione più comoda: molto probabilmente sarà la più giusta per te. Teoricamente, quando si atterra sul tallone, si danneggiano le articolazioni che subiscono shock, mentre la corsa sulle punte sovraccarica i muscoli del polpaccio, ma questo stile di corsa è adatto per l'accelerazione, la corsa in discesa. Viene chiamata la posizione ottimale del piede sul metatarso: questa è la parte del piede tra il tallone e le dita dei piedi. Atterrando sul metatarso, il tallone verrà tirato a terra per un tocco fugace e spinto per un nuovo passo: in questo modo è comodo e facile da eseguire, ma nemmeno tutti i professionisti aderiscono a questa tecnica.

10 domande e risposte scomode per un principiante

Foto: istockphoto.com

In cosa correre?

Ti abbiamo già detto cosa correre in inverno e in estate, quindi togliamo i dettagli e ripetiamo solo che i vestiti dovrebbero essere fatti di sintetici sportivi traspiranti, che assorbiranno l'umidità e aiuteranno a non surriscaldarsi. Le scarpe dovrebbero essere in esecuzione: non sandali o scarpe da ginnastica, ma scarpe da corsa che eviteranno lesioni alle articolazioni, ai muscoli e ai legamenti.

E se ho sete mentre faccio jogging?

Solitamente assetato al caldo o durante una lunga corsa - in queste condizioni, assicurati di portare con te dell'acqua. Se non vuoi sopportare la sete ed è molto spaventoso imbatterti in essa anche in una corsa di un paio di chilometri, corri con una bottiglia d'acqua tra le mani o traccia un percorso di jogging in modo tale da poter lasciare il tuo contenitore d'acqua sulla panchina e bere qualcosa quando entri nel giro successivo. Per rendere confortevole la corsa con l'acqua, acquista una cintura da corsa con piccoli contenitori o un marsupio dove puoi mettere una bottiglia morbida.

Correrai anche sotto la pioggia e la neve?

Nessuno ti costringerà, ma per chi ama correre, per chi si prepara alla gara, non c'è brutto tempo. Il tempo è una scusa. Puoi sempre scegliere l'attrezzatura giusta che ti proteggerà dall'umidità e dal freddo, corri meno veloce del solito per non scivolare. E in estate correre sotto la pioggia è un piacere, basta prendere coraggio e mettersi a correre per fugare ogni dubbio.

Come superare la pigrizia e trovare motivazione?

Questa domanda non è solo fatta neofiti. Ognuno ha la propria motivazione: correre i primi 10 km, perdere 5 kg, aumentare la velocità per un minuto, ecc. Devi sederti e pensare a ciò che è importante per te. Se trovi un obiettivo motivante, la pigrizia sarà molto più facile da combattere. Quando non hai assolutamente voglia di fare jogging, non picchiarti. Anche il corridore olimpico Toshihiko Seko ammette di non avere voglia di correre quasi tutti i giorni, ma sa come mettersi d'accordo con se stesso e andare ad allenarsi. Immagina, tu e il corridore olimpico avete le stesse sensazioni quando correte: siamo tutti umani.
Se hai ancora domande, non esitare e scrivile nei commenti: il campionato risponderà.

SESSO SENZA AMORE 🔞

Messaggio precedente 10 domande e risposte imbarazzanti sulle sezioni per bambini
Post successivo Q&A: Perché i corridori mangiano la pasta alla vigilia di una gara?