10 pensieri dalla leggenda dello snowboard Torah Bright

Di tanto in tanto ci chiediamo tutti se esiste un segreto nella vita di successo e interessante di personaggi famosi, che cos'è e dove cercarlo. Soprattutto per il campionato, il guru dello snowboard e pro-rider del team Roxy Thora Bright ha condiviso alcune regole che cerca di rispettare nella vita di tutti i giorni.

10 pensieri dalla leggenda dello snowboard Torah Bright

Torah Bright al New Star Camp 2017

Foto: Kirill Umrikhin / Quiksilver Press Service

1. Tratto tutto con umorismo.

Adoro il film su Mary Poppins e la frase della sua canzone: Ogni opera dovrebbe avere un elemento di divertimento. Se lo trovi, qualsiasi lavoro difficile sarà un piacere. Questa canzone mi ha influenzato molto. Cerco di trattare la vita allo stesso modo. Se c'è una routine continua in giro e non vuoi fare qualcosa, puoi affrontare qualsiasi situazione con umorismo e tradurre tutto in un gioco. È fantastico quando puoi cambiare il tuo atteggiamento nei confronti delle difficoltà emergenti in un modo così semplice.

2. Credo in me stesso.

Credo che la fiducia in te stesso giochi un ruolo importante nella vita di ogni persona. In alcune fasi, mi mancava davvero, e poi il supporto di persone vicine mi ha aiutato a superare gli ostacoli. La cosa principale è credere in te stesso e non deviare dal percorso!

3. Lavoro molto.

La perseveranza e il duro lavoro sono ingredienti essenziali per il successo. Ho iniziato a fare snowboard all'età di 11 anni e da allora ho lavorato molto, ho partecipato a molte competizioni e solo nel tempo sponsor e organizzatori hanno iniziato a notarmi. Oggi, mi sembra, i giovani atleti vogliono ottenere rapidamente uno sponsor, senza spendere abbastanza tempo ed energie per lavorare su se stessi. Penso che prima devi fare un buon lavoro e poi tutto verrà.

4. Trovo un equilibrio.

Quando mi preparo per una competizione, mi godo il processo. Ma prima dell'inizio principale, cerco sempre di essere concentrato. A differenza di molti motociclisti, non ascolto musica mentre guido per essere consapevole di ciò che sta accadendo intorno a me, per essere nel momento. Ho bisogno di riprendermi, espirare e sorridere.

5. Non mi preoccupo.

Non credo davvero ai presagi e generalmente cerco di stare lontano dalle superstizioni. Ma come tutti gli altri, ho delle stranezze. Ad esempio, spesso indosso le stesse calze alle gare che mi sono allenato il giorno prima, soprattutto se l'allenamento è andato bene. Tutte le persone hanno le loro strane abitudini, quindi non ci vedo niente di speciale.

6. Estratto.

Quest'anno, per la prima volta in 15 anni di carriera, ho fatto una vera vacanza sullo snowboard! All'inizio, io ei miei amici eravamo in vacanza in una stazione sciistica in Canada, è stato molto divertente: niente riprese e allenamento, solo io ei miei cari. Dopo di che ho visitato il Quiksilver New Star Camp a Sochi, dove ho potuto pedalare e uscire per il mio piacere. Prima di allora, una specie di contatore funzionava sempre nella mia testa - pensavo costantementesulla preparazione per la stagione, insegnato trucchi, lavorato su qualcosa. Da un lato lo snowboard è divertente, dall'altro lo considero sempre un lavoro. A volte devi essere in grado di astrarre dalle tue solite percezioni di vita e divertirti.

10 pensieri dalla leggenda dello snowboard Torah Bright

Torah Bright

Foto: Kirill Umrikhin / Quiksilver Press Service

7. Alla ricerca di ispirazione.

Mi piace molto creare la mia linea di abbigliamento e tavole per Roxy. Dopotutto, in questo modo non solo posso creare snowboard funzionale e abbigliamento casual, ma anche dare vita alla mia visione di un'immagine sportiva femminile. Certo, seguo le tendenze e le opere dei designer, scelgo il tessuto, cerco di tenere conto delle tendenze della moda quando creo la mia collezione. Ma l'ispirazione viene spesso da ciò che mi circonda: sciando, camminando in città diverse, facendo shopping. Quando viaggio, spesso scatto foto delle mie vetrine preferite, dettagli, colori o alcuni modelli interessanti.

8. Vivo secondo le mie regole.

Sono completamente indipendente da fattori esterni e abitudini sociali standard. Non fumo né bevo alcolici, non ne ho bisogno per divertirmi. La mancanza di queste abitudini nella mia vita non mi impedisce di divertirmi e di andare alle feste. Non bevo tè e caffè dall'infanzia. Certo che ho provato, ma non mi è piaciuto. Dal cibo preferisco i prodotti naturali, cerco di evitare i cibi ricchi di amido. Mi piace dormire più a lungo (10-12 ore) e bere molta acqua. Adoro la soda, quindi la mia vita è la stessa: ribollente e ricca di eventi.

9. Cerco di raggiungere nuove vette.

Il mio obiettivo ora è un vero freeride serio. Oltre alla parte competitiva della mia carriera, vorrei concentrarmi sullo sci nelle grandi montagne, discendere pendii ripidi e rocce, scattare bellissimi profili da qualche parte in Alaska e tornare a Rosa Khutor quando compaiono neve fresca e vera polvere invernale. E, naturalmente, ho intenzione di partecipare ai prossimi Giochi Olimpici.

10. Sogno

Non smetto mai di sognare. Sogno di cavalcare di più su montagne enormi. Sogno di surfare su grandi onde, sogno di cavalcare una tavola dentro un'onda, come in un tubo. Come tutti gli altri, ovviamente, sogno una famiglia e dei bambini in futuro.

Video fornito dal team di GoPro.

Messaggio precedente Nell'hockey, non pensi con la tua testa: ci sono istinti
Post successivo Conscious extreme: 10 pensieri del basejumper Valery Rozov