Alfonsina e Gaia... a casa Meazzo

Riparatori: una bicicletta non significa che non c'erano abbastanza soldi per un'auto

Le biciclette a peso fisso hanno cessato da tempo di essere solo biciclette, molto di più è legato al loro aspetto: filosofia, movimento, capacità di trovare amici e persone che la pensano allo stesso modo, per fare una scelta informata a favore di un amico a due ruote. Puoi parlare a lungo e noiosamente del comportamento dei fixer sulla strada. La cosa principale che ho capito durante l'intervista è che il fixer non si farà mai del male. Questi ragazzi hanno a lungo fatto della cultura del ciclismo una parte della loro vita, hanno la loro etica di guida e il desiderio di rendere il ciclismo un rituale quotidiano sicuro, confortevole e completamente normale per tutte le persone.

Non molto tempo fa sono riuscita a incontrare Lina e Maxim del team Moskovstyle , tornato da una trasferta alla più prestigiosa gara di fix Red Hook a Milano. Soprattutto per il nostro materiale, Lina Nevskaya e Maxim Karginov hanno raccontato al campionato come vivono i fixer di Mosca, cosa è necessario fare per arrivare a Red Hook e come scegliere il merch più alla moda per i viaggi in città.

Riparatori: una bicicletta non significa che non c'erano abbastanza soldi per un'auto

Foto: dall'archivio personale del team Moskovstyle

- Ragazzi, dicci perché hai scelto una bici con cambio fisso?

Lina : Come la maggior parte di coloro che guidano con cambio fisso, io originariamente naturalmente ha guidato un'altra bici. tutto quello che ricordo di lui, era molto pesante e qualcosa si rompeva costantemente in lui. Nell'anno 2012, su Internet sono state viste sempre più bici da pista, che sono state guidate da ragazzi in Giappone, negli Stati Uniti e in Europa, il loro dispositivo sembrava essere la soluzione al problema: meno parti - meno riparazioni. sono stati cercati i fotogrammi in quelle città della Russia dove c'erano le scuole di sport, quindi le prime correzioni per tutti sono state raccolte sulla base dei telai sovietici e ucraini.

Maxim : l'ho saputo da un amico con cui abbiamo lavorato insieme. Ha assemblato una bici per se stesso nel 2008 da un normale telaio sovietico e mi ha invitato ad andare ad alcune delle gare notturne. Siamo andati, cavalcato, e in quel momento non sono rimasto particolarmente colpito. Poi dopo qualche anno l'ho provata, ho montato la bici e ho iniziato a pedalare circa quattro anni fa.

- Oltre allo scatto fisso, in quali altri parametri differisce la tua bici?

Maxim
: È il massimo leggero. Fondamentalmente, tali biciclette sono utilizzate per il ciclismo, quindi è più corto e più manovrabile del solito per il suo design. Per questo, un tempo era amato dai corrieri di biciclette, è comodo da girare in città, dato che è manovrabile e non si rompe.

Aiuto : il movimento dei fixer è nato in Giappone negli anni '70, quando i corrieri di Tokyo hanno iniziato a utilizzare le bici da pista per consegnare le merci. Bicicletta a scatto fisso: una bicicletta che non ha gioco libero e pedala costantemente se la ruota posteriore gira... Non ci sono freni a mano sul classico appuntamento su pista

- Come è iniziata la tua partecipazione alla competizione?

Lina
: I ragazzi di Mosca, alla maniera dei fondatori stranieri, hanno iniziato a fare eventi , competere tra loro. Le gare si svolgono sempre in una modalità molto amichevole, nessuno dimostra nulla a nessuno, tutti corrono insieme per i premi degli sponsor che vengono trovati dall'organizzatore della gara. Prendiamo parte a tutti gli eventi che si svolgono a Mosca, San Pietroburgo, Minsk, Lvov, andiamo alle gare in Europa.

Riparatori: una bicicletta non significa che non c'erano abbastanza soldi per un'auto

Foto: dall'archivio personale del team Moskovstyle

- Con che frequenza si svolgono le competizioni?

Maxim
: Se parliamo di gare per strada, di solito indipendenti l'uno dall'altro. Ci sono alcune persone che hanno voluto organizzare qualcosa, hanno scritto sui social, tutti si sono riuniti e hanno iniziato una gara. Ci sono gare di Mosca più grandi organizzate da Dima Kunst: questa è una gara sul Moscow Raceway a Volokolamsk, una competizione su pista nella città di Tula. In generale, abbiamo creato un calendario comune con i ragazzi di San Pietroburgo, Ucraina, Bielorussia, adattiamo gli eventi in modo che non si sovrappongano, in modo da poter visitare l'un l'altro. È molto comodo, quindi, ad esempio, ad agosto, ogni fine settimana abbiamo fatto una gara.

Lina : Inoltre, in ogni città ci sono eventi sacri come l'apertura e la chiusura della stagione. Sono i più grandi in termini di numero di partecipanti. Tutti sono sempre felici di precipitarsi quando la stagione è appena iniziata e un po 'turbati quando è finita. In realtà ci sono abbastanza gare. È fantastico che ci siano persone che si assumono la responsabilità dell'organizzazione, lo apprezziamo davvero. Dima, grazie.

- Quante persone ci sono nella tua squadra?

Lina
: Maxim, Lina, Edik, Fedya, Artik e Kolya sono nell'esercito. Si scopre che sei.

- Raccontaci del tuo recente viaggio a Red Hook.

Maxim
: Ci siamo riuniti come una squadra l'anno scorso e abbiamo deciso di andare a Barcellona per Red Hook ... Questa è la gara più prestigiosa e una competizione molto interessante tra la folla di bici a scatto fisso. Il Barcellona è sempre caldo e l'atmosfera è molto fresca: tutte le persone durante la competizione rappresentano una grande famiglia. Poi siamo rimasti un po 'scioccati dall'atmosfera, dall'organizzazione e abbiamo deciso che dovevamo assolutamente tornarci.

Riparatori: una bicicletta non significa che non c'erano abbastanza soldi per un'auto

Foto: dall'archivio personale Squadre Moskovstyle

Lina : Quest'anno abbiamo iniziato anche con finanze e visti. Perché le altre due città dove si svolgono le tappe della gara oltre a Barcellona e Milano sono Londra e Brooklyn. Avevamo programmato la trasferta in anticipo, perché dovevamo decidere la composizione finale della squadra.

Avevamo anche bisogno di concordare gli sponsor, la nostra idea di promuovere il ciclismo piace a molti e alcuni sono pronti a supportarci in questo. Quest'anno siamo stati assistiti da reragazzi della Black Cooperative. Abbiamo fatto una serie di gare con loro nei fine settimana in primavera ed estate.

Vogliono trasmettere le persone, la cultura del caffè, e vi diciamo che una bicicletta è cool. Una bicicletta non significa che non avessi abbastanza soldi per un'auto. Questa è una scelta deliberata. Abbiamo fatto gare congiunte con la Cooperativa, ideato percorsi panoramici, invitato persone a pedalare con noi. Grazie a questi eventi, abbiamo incontrato un numero enorme di persone provenienti da ambiti diversi. Puoi e dovresti salire su qualsiasi bici che ti faccia sorridere. Attraverso di essa puoi iniziare il tuo sabato in modo diverso, trovare nuovi amici, smettere di avere paura di andare in bicicletta per la città.

Siamo riusciti a raccogliere intorno a noi un pubblico di persone che ci supportano. Ci siamo sempre assicurati che nessuno infrangesse le regole, perché non ne abbiamo bisogno. Quindi abbiamo reclutato sponsor, annunciato che saremmo andati a Red Hook e finalmente ci siamo andati.

Milano è una di quelle città in cui le autorità pagheranno i residenti per rifiutare un'auto a favore del ciclismo. Milano è uno dei centri ciclistici italiani, che le ha permesso di ospitare per l'ottava volta la più prestigiosa gara di bici a scatto fisso, la Red Hook Crit.

- Cosa devi fare per arrivare a Red Hook?

Maxim
: registrarsi a Red Hook è un evento molto emozionante, perché tutti vogliono arrivarci. Tutti aspettano che la notizia della registrazione venga pubblicata su Instagram. È come Supreme che vuoi comprare. È importante registrarsi lì, fintanto che la squadra ha tempo e quanti ne andranno. Le regole della gara sono tali che non si finisce necessariamente in un gruppo di qualificazione. Idealmente, almeno due persone del team possono aiutarsi a vicenda in pista, cioè rientrano nello stesso gruppo.

Riparatori: una bicicletta non significa che non c'erano abbastanza soldi per un'auto

Foto: dall'archivio personale del team Moskovstyle

Lina : Red Hook organizza un enorme quartier generale di persone molto simpatiche ed esperte. Capiscono che se non ci limitano con regole e non ci assegnano a gruppi diversi, ci riuniremo in otto persone e ci faremo fuori a vicenda. In questo modo creano un ambiente competitivo, questo è molto corretto.

- Come prepararsi per la gara?

Maxim
: Devi prepararti per il Red Hook in un certo modo, perché è molto una sorta di disciplina. Anche non tutti i professionisti che vengono lì possono mostrare risultati interessanti. Ad esempio, quest'anno il campione olimpico di ciclismo su pista di Rio ha gareggiato a Brooklyn. Di conseguenza, non si è nemmeno qualificato per la finale. Questa è una gara molto imprevedibile.

- Con che frequenza ti alleni? E come succede in generale?

Maxim
: In inverno, questa è una pista ciclabile. Adesso due o tre volte alla settimana sulla pista ciclabile. In estate ci incontriamo effettivamente quando c'è tempo.

Lina : Tutti hanno un lavoro, quindi sono feliceÈ difficile fare allenamenti congiunti. Ma tutti hanno un portabici a casa e noi ci alleniamo. Tutti capiscono che se non si allenano, deluderanno la squadra e perché è necessario.

Riparatori: una bicicletta non significa che non c'erano abbastanza soldi per un'auto

Foto: dall'archivio personale del team Moskovstyle

- Come scegliere l'attrezzatura giusta per la tua bici? Ci sono funzioni, puoi consigliare qualcosa?

Maxim
: Ci sono molte risorse su Internet. Il mercato adesso sta crescendo, sta diventando bello. Ci sono già marchi e progetti che stanno pensando non solo a renderlo pratico, ma anche bello. Ad esempio, il designer Wood Wood ha lanciato la sua linea di ciclismo in Danimarca. È il più bello, bello e funzionale possibile.

Lina : Red Hook ha i suoi requisiti. Dovresti assolutamente indossare scarpe da ciclismo, solo pedali di contatto, un'uniforme da bici e un casco. Quando si entra nell'area della pista, la bici deve essere controllata. Se ci sono delle torce elettriche o qualcos'altro, in caso di collisione possono ferire un altro partecipante. Anche i partecipanti vengono controllati. In generale, nessuno ti permetterà di correre in jeans.

Maxim : Per quanto riguarda l'attrezzatura e il ciclismo, scarpe da ciclismo, pantaloncini da ciclismo, casco, occhiali, bici e pedali di contatto sono standard set ciclista. Quasi tutto questo può essere acquistato a Mosca. Se sei un principiante, puoi trovare di tutto nei negozi. Se hai esperienza e capisci che la qualità dell'attrezzatura non ti soddisfa, puoi ordinare attrezzature professionali speciali.

Lina : In effetti, moltissimi produttori realizzano bellissime divise da ciclismo. Tutti i ragazzi che cavalcano fix vivono questa cultura dentro e fuori. I team realizzano le loro attrezzature e il loro merchandising in modo che tu possa vedere il loro tra la folla (sorride).

Molte persone producono collaborazioni con i marchi. Tutto ha preso una scala enorme. Ma la cosa più importante è il casco. Meglio indossare una brutta tuta, ma un casco migliore. Questo è ciò che serve e, purtroppo, tutti noi della squadra ne siamo convinti.

- Dov'è il paradiso dei ciclisti? Quali paesi o città sono più adatti per andare in bicicletta?

Maxim
: Penso che questa sia l'Europa e gli Stati Uniti. Le biciclette sono amate ovunque in Europa. Questa è una scelta normale di una persona normale.

Riparatori: una bicicletta non significa che non c'erano abbastanza soldi per un'auto

Foto: dall'archivio personale del team di Moskovstyle

Lina : Sono d'accordo, lo adorano fin dall'inizio. Sono appena tornato da Berlino. Lì senti di avere una voce sulla moto. La pista ciclabile di questa città si sta definendo, non un solo bambino correrà lì per caso. Puoi vedere gli ingorghi delle biciclette di persone che si affrettano dal lavoro in giacca e cravatta, con lunghe sciarpe e cappotti, senza divise speciali per biciclette. Questo è ciò che vogliamo cambiare nel nostro Paese. Pensiamo che la bicicletta debba diventare una parte importante della vita, quindi non lo pensie lo indossi e dove vai in modo che diventi una parte di te.

Grazie per il tuo aiuto nell'organizzazione dell'intervista con il negozio DRoP! e la nostra corrispondente Yana Trandafilova.

Tavola rotonda - L’ alleanza terapeutica come fattore di cura nei disturbi dell’adulto

Messaggio precedente Supereroi del nostro tempo. Una nuova era del parkour
Post successivo La sua aria è Michael Jordan. 5 regole di una leggenda del basket