Igor Oleinik: non ci sono restrizioni nel freestyle

iFreestyle è una scuola di freestyle e street football a Mosca, fondata dal quattro volte campione russo di freestyle Igor Oleinik. Ogni venerdì di agosto dalle 18:00 alle 19:00 Igor e il suo team conducono sessioni di allenamento gratuite. La prima lezione si è svolta il 4 agosto ed è stata dedicata alle basi del calcio freestyle. Prima della prima lezione, abbiamo parlato con Igor e scoperto di cosa si tratterebbe l'allenamento e abbiamo anche filmato tre trucchi per coloro che vogliono ricevere una guida dai professionisti, ma per qualche motivo non possono frequentare le lezioni.

- Igor, a cosa saranno dedicate esattamente le tue lezioni a Gorky Park?
- La prima parte è la scuola di freestyle. Insegneremo ai bambini come gestire la palla, trucchi, migliorare la loro tecnica, la sensazione della palla. Oggi abbiamo il freestyle, venerdì prossimo ci eserciteremo con gli strike, poi ci sarà l'allenamento del panna. Nessuno lo insegna, ma tutti i giocatori di football lo usano nel gioco. E il 25 agosto faremo una partita. Tutti quelli che verranno saranno divisi in squadre e si svolgerà un grande torneo di calcio.

- Chi allena oltre a te?
- Insegno direttamente calcio freestyle. Cinque o sei persone si allenano nella nostra scuola: qualcuno insegna scioperi, qualcuno insegna panna.

- Le ragazze si iscrivono?
- Sì. Ad esempio, l'ultima volta che sono venute tre ragazze. Direttamente nella nostra scuola sono fidanzate sette ragazze. Uno di loro si è esibito anche alla cerimonia di chiusura della Confederation Cup.

- Com'è nata l'idea di fondare una scuola di freestyle?
- La mia prima scuola è stata nel 2012. Allora ho lavorato come allenatore al Moskomsport. Avevo un gruppo di circa 12 persone. Il freestyle è uno sport non ufficiale e non ci sono enti statali coinvolti nel suo sviluppo, motivo per cui è nata l'idea di creare una scuola. Oggi, fare del freestyle uno sport olimpico è il mio sogno.

- Ci sono restrizioni al freestyle? Età o altri?
- La nostra scuola insegna dall'età di otto anni. Se il bambino è più piccolo, è difficile per lui spiegare alcuni trucchi. È importante che una persona capisca esattamente cosa vuole da lui. Ci sono trucchi quando la palla è sul collo e non è visibile, ed è importante assumere correttamente la posizione della schiena, delle braccia, delle gambe. Qualcuno pensa che non sia adatto all'età, alla carnagione, ma penso che la struttura corporea, il sesso, l'età non contino nel freestyle e questo non influisce sull'esecuzione dei trick. C'è un ragazzo che ha iniziato il freestyle all'età di 24-25 anni, ea 28 ha vinto il campionato del mondo. Non ci sono restrizioni nel freestyle!

Chiunque può iscriversi a corsi di formazione gratuiti (http://ifreestyle.ru/contacts).

Guarda i tutorial video di formazione sul freestyle - https: // www. youtube.com/user/pftartes.

Messaggio precedente Salire su un longboard: primi 5 passi
Post successivo Bellezze che non puoi incontrare in palestra: l'allenamento delle donne in dettaglio