Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

La Russia è sempre stata famosa per i suoi atleti forti e talentuosi, che per di più avevano una forza d'animo straordinaria. Non si possono enumerare tutte le storie di eccezionali atleti russi che hanno superato ostacoli apparentemente insormontabili. Pertanto, oggi parleremo solo di quattro atleti: nonostante gli infortuni più gravi, sono stati in grado di tornare al grande sport e continuare con successo la loro carriera. Ognuno di loro ha il proprio percorso, ma tutti hanno una cosa in comune: la forza di volontà di ferro.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Alti e bassi: 5 drammatici ritorni allo sport

Hanno vinto quando nessuno ci credeva.

Giocatore di hockey Vyacheslav Fetisov

Fin dall'inizio della sua carriera sportiva, questo giocatore di hockey sovietico ha mostrato risultati senza precedenti forza di volontà - ha lavorato al limite delle sue capacità per giocare per la squadra nazionale in futuro. Di conseguenza, grazie ai famosi cinque - Vyacheslav Fetisov, Alexey Kasatonov, Sergei Makarov, Vladimir Krutov, Igor Larionov - la squadra nazionale dell'URSS è stata mantenuta con sicurezza tra i primi tre dell'hockey mondiale e ha vinto molti premi internazionali. Lo stesso Fetisov ha giocato nella NHL, ha vinto la Stanley Cup.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Foto: Vladimir Bezzubov, photo.khl.ru

Vyacheslav Fetisov ha dovuto affrontare molte difficoltà. Nel 1979, ha ricevuto un grave infortunio alla schiena: l'atleta era paralizzato, non poteva camminare. Le previsioni dei medici furono deludenti. Tuttavia, il giocatore di hockey è stato in grado di fare l'incredibile, si è ripreso ed è tornato sul ghiaccio. Ma le sue prove non finirono qui.

Nel 1985, Fetisov ebbe un incidente d'auto. Lui stesso è sopravvissuto all'incidente, ma suo fratello minore Anatoly è morto. È stato un duro colpo per tutta la sua famiglia. Vyacheslav ha preso la tragedia con forza, ma nonostante la perdita di una persona cara, è comunque tornato sul ghiaccio. Si prospettano nuove difficoltà.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Foto: Vladimir Bezzubov, photo.khl.ru

Nel 1997, il giocatore di hockey ha avuto di nuovo un incidente, solo ora due dei suoi compagni di squadra erano con lui. Tutti e tre sono rimasti gravemente feriti. Tuttavia, dopo tutte le prove e gli infortuni - fisici e mentali - l'atleta non ha lasciato l'hockey, non si è allontanato dai suoi sogni. È tornato sul ghiaccio ed è rimasto fedele al suo genere di chiamata, non importa cosa.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

La catena d'oro è stata strappata, il denaro è scomparso. Come Fetisov ha litigato con i poliziotti a Kiev

Secondo una delle versioni, l'attacco al capitano della squadra nazionale dell'URSS era stato pianificato in anticipo.

Pattinatrice Elena Berezhnaya

С All'inizio della sua carriera professionale, Berezhnaya si è esibita nel pattinaggio di coppia. Il suo primo partner è stato Oleg Shlyakhov. Fu con lui che il pattinatore iniziò a vincere le prime medaglie, nonostante il rapporto tra i partner fosse teso. A volte Shlyakhov trattava il suo collega in modo sgarbato e irrispettoso.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Foto: Getty Images

TLa rabbia è avvenuta durante l'allenamento nel 1996. Il partner ha toccato la testa di Berezhnaya con la lama di un pattino: l'osso temporale è stato perforato ei frammenti hanno danneggiato il rivestimento del cervello. La pattinatrice è stata ricoverata in ospedale e inviata d'urgenza a Riga, dove ha subito un grave intervento. All'inizio, Berezhnaya non poteva muoversi o parlare affatto. I medici hanno detto che sicuramente non sarebbe stata in grado di tornare allo sport.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Foto: Getty Images

L'atleta ha negato previsioni pessimistiche. Anton Sikharulidze l'ha aiutata a riprendersi e ricominciare a pattinare, che poi è diventato il suo nuovo partner. Insieme, hanno trionfato alle Olimpiadi di Salt Lake City nel 2002.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Elena Berezhnaya: attraverso la schiavitù e l'ospedale per vittoria

Il percorso verso l'Olimpo Elena Berezhnaya è passato attraverso il bullismo del partner, un grave infortunio e uno scandalo arbitrale.

Nuotatore Alexander Popov

Nuotatore russo Alexander Popov giustamente può essere definita una leggenda. È riuscito a diventare un quattro volte campione olimpico, sei volte campione del mondo e più volte campione europeo. Fin dall'infanzia Popov amava nuotare, ma il suo talento è stato pienamente rivelato dopo la laurea.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Foto: Getty Images

Nel 1991, la sua carriera è iniziata con vittorie di alto profilo agli Europei di Atene. Questo è stato seguito da un trionfo alle Olimpiadi di Barcellona. Nel 1994, Alexander stabilisce un record mondiale nei 50 m stile libero. E le Olimpiadi di Atlanta del 1996 hanno reso l'atleta russo una celebrità mondiale.

Ma la carriera di un brillante nuotatore era destinata ad essere interrotta. Nell'agosto 1996, a Mosca, Popov, insieme al suo amico, fu coinvolto in una rissa di strada - si alzò per la ragazza. Gli hooligan erano armati e uno di loro ha pugnalato l'atleta con un coltello. Il rene e il polmone sono stati colpiti. Fortunatamente, la vita del nuotatore è stata salvata. E grazie all'esperienza e alla professionalità del medico, ha potuto persino continuare la sua carriera sportiva.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Foto: Getty Images

Il recupero è stato difficile e lungo. Ma grazie alla resistenza e all'impegno, nello stesso anno, Alexander è riuscito a competere di nuovo - a prendere l'oro alle Olimpiadi di Atlanta. Successivamente, la carriera dell'atleta russo è continuata per altri 8 anni.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Era nel posto sbagliato. Come il grande Popov è quasi morto per mano di un venditore di angurie

La vita del nuotatore più veloce del mondo è stata quasi interrotta da una rissa di strada per le ragazze.

Ginnasta Lyaysan Utyasheva

Laysan Utyasheva è un esempio di vera resilienza e volontà di vincere. Le giovani ginnaste di tutta la Russia sanno quanto sia stato difficile per lei tornare agli sport professionistici dopo un infortunio.

Nel 2002, durante un'esibizione, Utyasheva è atterrata senza successo dopo essere saltata su entrambi i piedi. All'inizio i medici le hanno diagnosticato un livido e le hanno permesso di allenarsi. Ma il danno è solo peggiorato. L'atleta ha cercato di allenarsi, superando il dolore. E quando ne ha parlato agli allenatori, è stata accusata di simulazione. Solo pochi mesi dopo, i medici sono stati in grado di scoprire la reale entità della lesione: numerose fratture dello scafoide su una gamba e la divergenza delle ossa sull'altra.

La ginnasta ha subito sei operazioni alle gambe. I medici hanno dato previsioni deludenti - dopo questo difficilmente sarebbe stata in grado di tornare al grande sport. Hanno detto che con un impianto al piede, si può camminare solo zoppicando gravemente. Ma tali argomenti non hanno fermato Utyasheva.

Per non perdere la forma, la ginnasta ha cercato di nuotare in piscina ogni giorno, inizialmente con un calco in gesso sulle gambe. It Ho provato a fare stretching e sedermi con attrezzi ginnici. Grazie al suo duro lavoro e alla sua perseveranza, Utyasheva è riuscita a tornare agli sport professionistici due anni dopo.

Volontà di ferro: atleti che sono tornati allo sport professionistico dopo un infortunio

Leap to Freedom. Come domare un bastardo e diventare una leonessa secolare

La carriera di Laysan Utyasheva è stata interrotta da un grave infortunio. Ora il famoso presentatore televisivo e la moglie dello showman Pavel Volya difficilmente se ne pentirà.

Nel 2004, è diventata la campionessa europea nell'evento a squadre. Poi ha vinto tornei internazionali in Francia e Lettonia. La ginnasta si è preparata diligentemente per le Olimpiadi di Pechino 2008. Tuttavia, nel 2006, durante l'allenamento, è stata nuovamente ferita - il ginocchio ha sofferto. La seconda volta, l'atleta è stato meno fortunato. Il danno era troppo grave, non è riuscita a riprendersi e ha dovuto lasciare lo sport per sempre.

Tuttavia, Laysan non si è arresa: è stata in grado di ricostruire e realizzarsi nel campo dello spettacolo. L'ex ginnasta è diventata una famosa presentatrice televisiva e nessun infortunio poteva fermarla.

Messaggio precedente 90-60-90 non sono più in voga. Come appare la figura perfetta oggi
Post successivo C'è un osso largo e in che modo le caratteristiche scheletriche influenzano la perdita di peso?