Haftbefehl - Das weisse Album | Red Bull Secret Gig | Red Bull Rap Einhundert

Live Stream Red Bull lancia i dadi

Non perdere la gara di snowboard più emozionante e imprevedibile dell'anno, che è stato uno degli eventi più attesi del Quiksilver New Star Camp per diversi anni consecutivi.

Il formato unico dell'evento ha già conquistato l'interesse non solo degli appassionati di snowboard, ma anche tutti i giocatori d'azzardo che non sono indifferenti agli sport spettacolari. Il Red Bull Roll The Dice è una competizione interessante, divertente e, soprattutto, intrigante fino all'ultimo secondo. Un trampolino di lancio, diverse dozzine di partecipanti, condizioni assolutamente uguali, nessun trucco preparato, nessun risultato prevedibile: tutto dipende da come cadono i dadi giganti! Let's Roll the Dice!

Secondo i risultati della fase preliminare, sono stati determinati i 16 più forti, tra cui il partecipante alle Olimpiadi del 2014 Alexei Sobolev e il campione della Russia - 2017 in half-pipe Nikita Avtaneev. Ebbene, il miglior risultato in qualificazione è stato mostrato dal più giovane partecipante al torneo, il quattordicenne Yaroslav Lenchevsky.

Avtaneev e Sobolev hanno superato con successo le fasi di 1/8 e 1/4 di finale, hanno raggiunto le semifinali e sembravano i candidati più ovvi per il decisivo a tempo pieno. battaglia, ma un salto facile - indie con una rotazione di 180 gradi, non è stato Avtaneev ad avere successo, ma Mark Teymurov di San Pietroburgo. È stato lui a sfidare Sobolev nella battaglia finale per due vittorie.

I dadi hanno gentilmente offerto due volte ai finalisti una libera scelta di opzioni di rotazione, ed entrambe le volte Teymurov si è rivelato leggermente migliore del suo avversario più esperto. La seconda volta, i giudici hanno deliberato a lungo, ma hanno comunque assegnato la vittoria a Mark. La cintura del campione Red Bull Roll the Dice 2017 va a San Pietroburgo!

Viñales' scary crash at over 200kmh | 2020 Styrian GP

Messaggio precedente Un altro "pancake" per la notte? Intervista ad Anastasia Vladimirova
Post successivo Iron Shuba Baby: perché il triathlon femminile è bello