Terapia del dolore: come funziona e per chi è efficace?

Terapia motociclistica: ciò che il medico non ti prescriverà

Già il prossimo fine settimana (16-18 marzo), Mosca ospiterà la 6a Esposizione Internazionale del Motociclo Motovsna-2018. Non solo una mostra, ma anche una grande area interattiva sarà organizzata proprio nei locali dello Stadio Olimpico. È lì che lo spettacolo si svolgerà con la partecipazione dell'élite di motociclisti russa e mondiale. Fortunatamente, il tetto del complesso sportivo sarà in grado di proteggere gli atleti e gli spettatori dalla neve e dal vento, e la sua altezza consentirà di eseguire acrobazie su una rampa alta.

Abbiamo potuto parlare con Vanni Odder , un freestyler italiano ... Non è solo un partecipante a Moto Spring, ma anche l'ispiratore del programma internazionale di sostegno alle persone con disabilità Moto terapia .

- Vanni, prima vorrei parlare del prossimo spettacolo. Sono lontano dal motorsport e da molte cose ad esso collegate. Ma anche i video delle performance dei rider FMX mi hanno stupito. Perché pensi che tutti dovrebbero andare a uno spettacolo del genere almeno una volta?
- Penso che questo spettacolo sia uno dei più impressionanti della vita. Una cosa, ad esempio, è guardarlo in TV e un'altra è vederlo nella vita. Ti senti incredibile a causa di tutto il rumore e le vibrazioni che senti. Secondo me, le persone dovrebbero almeno una o due volte andare a uno spettacolo del genere. Questo è un evento significativo in molti modi. Apprezzo in particolare che verrà fornita la Moto Therapy. Mi sembra che ora questo progetto stia guadagnando importanza per il mondo intero. Abbiamo condotto la prima Moto terapia in Italia e la Russia è diventata il secondo Paese. Abbiamo iniziato qui diversi anni fa e sono estremamente contento che Moto Therapy sia tornata a Mosca. Certo, proveremo a mostrare il nostro meglio nello show. La folla in Russia è impetuosa e rumorosa, quindi voglio impressionarli e deliziarli.

- Per quanto ne so, l'idea di creare Moto Therapy ti appartiene. Come ti è venuto in mente? Forse qualcuno o qualcosa ti ha ispirato?
- Questa è la mia idea, ma non posso dire esattamente cosa mi abbia spinto a farlo. La moto terapia è nata nel 2009, si potrebbe dire, proprio dal cuore. Ho pensato molto al fatto che voglio cambiare il mondo. Certo, prima ho cercato di cambiare il mondo intorno a me in piccole cose. E poi ho pensato che l'opzione migliore fosse condividere la mia passione, cioè la mia bici, con le persone. Voglio dare a tutti l'opportunità di guidarlo. Questa è l'intera idea del progetto.

- Dillo a chi non ha mai visto passare Moto Therapy.
- Ragazzi, per i quali viene condotta Moto Therapy, non guardate il nostro esibirsi in mezzo alla folla, ma stare sotto le rampe, cioè proprio sotto i salti. Durante tutto lo spettacolo sono accanto a noi, in mezzo a noi. Ognuno di loro può guardare in cielo e vedere un cavaliere, un power ranger multicolore. Questo è il potere della Moto Therapy. Dopo lo spettacolo, questi ragazzi vogliono cavalcare con noi e non hanno affatto paura. Quindi, quando la performancefinisce, pedaliamo con loro.

- So che la Moto terapia è stata condotta in Russia da diversi anni ormai. Come si incontra uno spettacolo del genere qui?
- La folla in Russia è molto amichevole, e questo è importante. E se parliamo specificamente dei partecipanti alla Moto Therapy, allora i ragazzi sono gli stessi del mondo intero. Questo è figo. Sono davvero felice di esibirmi in Russia. In realtà, voglio che lo spettacolo si svolga in tutto il mondo. Voglio che più paesi si uniscano a questo movimento.

- Tu Qualcuno aiuta a realizzare questa idea?
- Sì. Ora molte persone mi stanno aiutando. È come se una grande catena si fosse sviluppata in tutto il mondo: in Messico, Uruguay, Spagna, Russia, Italia, Austria, Svizzera e Francia. Molti stanno cominciando a pensare come me e vogliono condividere il loro hobby con gli altri. È perfetto. Ci sono anche persone accanto a me, non solo motociclisti, ma, ad esempio, i miei amici aiutano a lavorare con questo progetto. Come è ora a Mosca, Alexey Kolesnikov (pilota FMX che sta attivamente sviluppando il progetto in Russia) mi aiuta. Sono grato per tale supporto.

Terapia motociclistica: ciò che il medico non ti prescriverà

Alexey Kolesnikov: ho fatto ciò che amo per tutta la vita

Uno dei migliori Piloti FMX di tutto il mondo - sui loro piani per il futuro e lo sviluppo del motorsport in Russia.

- Ce ne sono molti che vogliono unirsi?
- Molti. Ad essere onesti, non conosco più il numero. Ogni volta che conduciamo la Moto terapia con circa 100-200 bambini. Il loro numero è in costante crescita.

- Puoi dare un consiglio a chi sarà nello show per la prima volta?
- Un consiglio? Io non so nemmeno. Dobbiamo considerare il salto come un'arte che stiamo cercando di creare. Il nostro sport è molto pericoloso, forse anche uno dei più pericolosi al mondo, quindi se lo fai, allora devi credere in te stesso, nel tuo corpo e nella tua passione, hobby. Questa è un'arte pericolosa, perché puoi morire in un secondo. Tuttavia è un'arte.

- È fantastico che tu abbia è nata l'idea di condurre Moto Therapy! Ti auguro buona fortuna quest'anno e il futuro in generale. Spero che più persone vorranno unirsi a questa buona causa.
- Grazie e spero di vederti nello show!

Il medico fisiatra: di cosa si occupa?

Messaggio precedente Una recensione onesta. Cosa sono le cuffie a conduzione ossea?
Post successivo Il quarto mese d'inverno in regalo: dove andare se le gelate tornano a Mosca?