[PARTE 1] Introduzione ai grafi - Giada Franz

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

La cerimonia di apertura dei XXII Giochi Olimpici si è svolta il 19 luglio 1980 allo stadio Lenin di Luzhniki. Più di 16mila persone hanno preso parte all'apertura festosa delle Olimpiadi del 1980, tra cui ballerini professionisti, atleti, studenti e artisti dilettanti.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Stadio Lenin

Foto: RIA Novosti

L'orso Misha, il frutto dell'ingegno dell'artista sovietico Viktor Chizhikov, è diventato la mascotte ufficiale delle Olimpiadi del 1980 . Misha ha vinto secondo i risultati di un sondaggio televisivo, davanti a un alce, uno scoiattolo, un bisonte, un'aquila e altri animali. Per la prima volta nella storia, la mascotte olimpica ha viaggiato nello spazio: i cosmonauti Vladimir Kovalenok e Alexander Ivanchenkov due anni prima che i Giochi portassero Misha con loro in volo.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto: RIA Novosti

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto: RIA Novosti

L'emblema delle Olimpiadi del 1980 era un'immagine stilizzata della Torre Spasskaya del Cremlino, composta da linee che simboleggiavano i tapis roulant. C'era una stella in cima alla torre e l'emblema rappresentava cinque anelli olimpici come base.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Torta olimpica con l'emblema olimpico- 80

Foto: RIA Novosti

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Scialli con con l'emblema delle Olimpiadi

Foto: RIA Novosti

All'inizio della cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici, giovani uomini e donne in abiti dell'antica Grecia hanno marciato per l'arena. La processione era accompagnata da tre carri. Così è stato mostrato il legame con la storia del movimento olimpico.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto: RIA Novosti

Atleti provenienti da 81 paesi hanno preso parte ai Giochi Olimpici di Mosca. Stati Uniti, Canada, Germania, Giappone e Cina hanno boicottato le Olimpiadi a causa dell'introduzione delle truppe sovietiche in Afghanistan. Il Team Australia è uscito sotto la bandiera olimpica, poiché il governo dello stato ha consigliato di ignorare i Giochi di Mosca. Tuttavia, molti atleti hanno deciso di prendere parte alle Olimpiadi.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via
Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Team URSS

Foto: RIA Novosti

Presidente del comitato organizzatore delle Olimpiadi del 1980 Ignatiy Novikov (a sinistra) e presidente del CIO (Comitato Olimpico Internazionale) Lord Michael Killanin (a destra) ha tenuto un discorso di commemorazione all'apertura dei Giochi.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto: RIA Novosti

La torcia con la fiamma olimpica è stata portata per lo stadio dall'atleta sovietico, tre volte campione olimpico Viktor Saneev . Poi ha passato la torcia all'eccezionale giocatore di basket Sergey Belov , che ha acceso l'ol principaleuna torcia imperiale su Mosca.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Fiamma olimpica

Foto: RIA Novosti

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

"Move Up": 3 Seconds That Shook the World

Out film sulla leggendaria partita di basket alle Olimpiadi di Monaco.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Fiamma olimpica

Foto: RIA Novosti

L'Eastern Stand, che è uno schermo live in continua evoluzione, merita un'attenzione speciale. Più di quattromila persone con attributi speciali, tra cui bandiere, tavolette, pannelli dipinti, hanno disposto determinate immagini, sollevando l'una o l'altra parte degli oggetti di scena. Durante la cerimonia di apertura, 174 dipinti a mosaico si sono cambiati l'un l'altro.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto: RIA Novosti

Nella parte finale della cerimonia di apertura, un'immagine del globo con una stella è apparsa sulla tribuna orientale, che personificava Mosca, la capitale dei Giochi olimpici estivi del 1980. Allo stesso tempo, nell'arena, un numero enorme di persone ha raffigurato anelli e coppe olimpiche.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto: RIA Novosti

La cerimonia di apertura delle Olimpiadi del 1980 impressionò i cittadini dell'URSS e gli ospiti stranieri.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto: RIA Novosti

Medaglia d'oro ai Giochi Olimpici di Mosca. Sul lato anteriore c'è la dea Nike - un tradizionale simbolo olimpico di vittoria, sulla destra - un frammento del Colosseo. Una ciotola con il fuoco è posta sul retro della medaglia, l'arena dello stadio è sullo sfondo e l'emblema delle Olimpiadi del 1980 è nella parte superiore.

Olimpiadi, che non abbiamo potuto portare via

Foto : RIA Novosti

Ai Giochi Olimpici di Mosca si sono giocate 203 serie di premi. Gli atleti dell'URSS hanno vinto 80 medaglie d'oro, 69 d'argento e 46 di bronzo, conquistando il primo posto nella classifica generale.
L'Olympics-80 è una vacanza di sport e pace, un evento che rimarrà per sempre nel cuore delle persone coinvolte.

Raitre | Documentario naturalistico “Un mondo di funghi” - 14 Settembre 1983

Messaggio precedente Corso di allegria: mappa del caffè di Mosca
Post successivo Flowers of Manchester: la principale tragedia nella storia del calcio inglese