L' \

Metti in pausa la corsa. Cosa fare quando l'allenamento all'aperto è vietato

Forse una delle parti più difficili dell'autoisolamento è caduta sugli amanti del fitness e sui corridori. E se l'allenamento della forza può essere in qualche modo sostituito a casa, la situazione con la corsa è molto più complicata. Cosa fare? Girare intorno al letto o aspettare in silenzio che la pandemia finisca? Abbiamo chiesto consiglio ad atleti professionisti e condividilo con te.

Nina Zarina, che corre dal 2012:
La cosa più importante che puoi fare ora è accettare la situazione ... Sfortunatamente, accade che circostanze incerte interferiscano con i piani ideali. Fermati, espira, pensa a quello per cui non hai mai avuto tempo. Un mese senza una formazione intensa in realtà non è un periodo così lungo e una buona opportunità per provare lezioni online tramite app mobili. E, naturalmente, è importante che anche nella modalità di autoisolamento ci siano persone vicine a te che sosterranno la tua motivazione e condivideranno interessanti idee per il tempo libero. O forse il tapis roulant o il portabiciclette verranno regalati per un po '.

Andrey Baryshnikov, partecipa alle gare dal 2014:
L'importante è non dimenticare che questo momento difficile finirà e noi ci vediamo di nuovo insieme al concorso. Se hai l'opportunità di ordinare qualsiasi attrezzo per esercizi, perfetto. Questo diversificherà e migliorerà la tua formazione. Un'altra opzione sono le applicazioni con il programma OFP. Molti di loro sono ora disponibili gratuitamente, sembra una grande opportunità per provare qualcosa di nuovo!

Vladimir Nikitin, in atletica leggera dal 2010:
Il coronavirus ha interrotto i piani, forse tutti gli atleti. Un numero considerevole di concorsi è stato annullato e rinviato ad altre date. Sì, al momento la situazione non è facile, ma non è un motivo per scoraggiarsi e arrendersi. Perché tutto è nelle tue mani! Nonostante la quarantena, continuo ad allenarmi a casa e cerco di sistemarmi in modo positivo, di pensare solo al bene. Sono sicuro che presto il virus si ritirerà e ricominceremo a vivere come prima. Auguro a tutti buona salute e buon umore.

Ulyana Avvakumenkova, partecipa ai concorsi dal 2010:
Ho molte attività che mi aiutano a non perdersi d'animo, riempirmi e sostenermi Fluttuo, ad esempio, leggendo, scrivendo alcuni testi per i social network o solo per l'anima, guardando le tue serie TV preferite. Ad esempio, adoro guardare Friends: sicuramente non mi fanno sentire triste anche nei momenti più bui. E, naturalmente, la comunicazione con la famiglia e gli amici ogni giorno. Per mantenermi in forma, ogni giorno faccio stretching e preparazione fisica generale. Inoltre, mi avvicino all'isolamento dal punto di vista che prima o poi finirà, ma per un certo periodo di tempo puoi resistere; e durare è il mio lavoro diretto, posso farlo bene grazie alla corsa.

Elena Korobkina, nel 2008 la prima protuberanzalimo alle competizioni internazionali:
Credo che ora in nessun caso dovresti zoppicare e smettere di fare sport! Ora abbiamo tutti molto tempo libero per rafforzare la nostra forma ed elaborare le nostre debolezze. Lascia che sia a casa, ma devi fare esercizi fisici ogni giorno. L'attività fisica in quanto nulla stimola e rafforza il nostro sistema immunitario, e ti permette anche di mantenere la tua figura in ottima forma. Dopotutto, l'estate e la stagione balneare, così come la stagione sportiva e della corsa, sono dietro l'angolo. E spero davvero che usciremo dalla quarantena in forma e belli!

Anton Tishakin, si allena nel Monastero del Running dal 2018:
La scorsa stagione ne ho avuto molti ferite, e ora è il momento in cui è necessario rafforzare il proprio corpo e uscire sani dalla quarantena. Seguo atleti di livello mondiale e se possono stare a casa ora, allora posso sicuramente farlo. Ci sono molte battaglie diverse sui social network ora, questo ti aiuterà a diversificare i tuoi allenamenti e ad aumentare il tuo background emotivo.

Coach della Running Community Pavel Kondrashev:
Penso di non sorprendere nessuno se dico che ora non è il momento più facile. È molto importante mantenere un atteggiamento positivo, non soccombere all'apatia e continuare ad allenarsi a casa. Consiglio di non cambiare il tuo solito ritmo di lavoro: questo aiuterà a mantenere il corpo in buona forma e la giornata sarà più produttiva e interessante. Per la motivazione sportiva, puoi tenere un diario in cui registrerai i tuoi allenamenti quotidiani, il benessere, i cambiamenti di peso e parametri. Questo sarà un ottimo obiettivo per uscire dalla quarantena in ottima forma.

Dmitry Tarasov, fondatore della comunità podistica e direttore della maratona di Mosca:
Gli organizzatori della gara stanno attraversando tempi difficili. Non si tratta solo di perdite finanziarie. In questo settore sono impegnate persone appassionate del proprio lavoro. Ci manca anche l'atmosfera degli eventi, ci manca l'ispirazione che traiamo dal nostro pubblico. Non è esagerato affermare che la vita dell'intera squadra è costruita intorno alla stagione di corsa. Adesso sentiamo la stessa confusione dei nostri partecipanti.
Personalmente, perdo l'occasione di entrare in corridoio d'arrivo: stringi la mano ai premiati, dai cinque a chi arriva nemmeno nei primi mille, abbraccia i commercianti. In quei momenti capisci per chi stai lavorando. Non vedo l'ora che arrivi il giorno in cui lo proverò di nuovo. E aiuta a non arrendersi.

Quando resisti alla maratona (e io avevo e tale esperienza), la cosa principale da ricordare è che ogni distanza ha un traguardo. I chilometri si trascinano a lungo, ma anche la gara più infruttuosa di sempre finisce. Anche questo periodo finirà. Cerca di dirigere le tue emozioni in questa direzione. Immagina il giorno in cui tornerai a un allenamento completo o inizierai. In cosa correrai. A chi dedicherai i tuoi chilometri? Hpoi dillo al volontario che ti metterà la medaglia. Speriamo di tornare a correre ancora più felici e grati di avere una fantastica opportunità di correre.

Circuit Training 03 con Lorenzo

Messaggio precedente La coraggiosa modella estrema Angela Nicolau - una ragazza in cima al mondo
Post successivo La mia prima maratona: 20 settimane per prepararmi