Amazon Fba Retail Conviene realmente ? - Project

Puma e adidas: le loro fabbriche sono dall'altra parte della strada ei fondatori sono fratelli

Due fabbriche, che sono praticamente dall'altra parte della strada, producono a prima vista la stessa cosa, ei loro proprietari sono due fratelli litigiosi che hanno diviso la produzione e sono diventati nemici e principali concorrenti l'uno per l'altro. No, questa non è la trama di una pubblicità per una nota barretta di cioccolato, questa è la storia dell'apparizione dei marchi Adidas e Puma.

Puma e adidas: le loro fabbriche sono dall'altra parte della strada ei fondatori sono fratelli

Inizio produzione

Nel 1898 nella città di Herzogenaurach, il terzo figlio, Rudolf, nacque nella famiglia Dassler, due anni dopo ebbe un altro fratello, Adolf. Crescendo, i bambini, dapprima, aiutavano la madre, che lavorava come lavandaia, a lavare e stirare, e anche a consegnare biancheria pulita ai clienti. Poi i figli hanno trovato lavoro in una fabbrica di scarpe dove lavorava il padre. Quando iniziò la prima guerra mondiale, i fratelli maggiori furono chiamati al fronte. Adolf non si adattava all'età ei suoi genitori trovarono lavoro come apprendista in una panetteria locale. Rudolph fu mandato sul fronte occidentale, in Belgio, dove trascorse l'intera guerra, Adolf non poteva ancora evitare di essere arruolato, ma fu richiamato proprio alla fine della guerra. Riuscì a tornare in patria già alla fine del 1919; in casa, insieme al padre, iniziò a produrre calzature, anche speciali per disabili, molto richieste nel dopoguerra. Il paese si stava riprendendo con grande difficoltà dopo la fine del conflitto, la popolazione non aveva praticamente soldi, quindi era inutile produrre beni di alta qualità, e quindi costosi. Le scarpe erano realizzate con uniformi militari dismesse e le suole erano di gomma per auto.

Il destino di Rudolph era diverso, andò a Monaco dopo la guerra, dove si diplomò ai corsi di polizia e trovò persino un lavoro nella polizia, ma per molto tempo lì non è rimasto. Cambia diverse società dove lavora nel campo delle vendite, e nel 1924 il fratello minore gli propone di avviare una produzione di calzature per atleti, l'impresa è rischiosa, ma Rudolph acconsente. A differenza di suo fratello, che guadagnava bene con la produzione in comune con suo padre, non aveva soldi. Pertanto, il fratello maggiore ha portato una macchina da scrivere come sua parte del capitale iniziale. A Gebrüder Dassler (i fratelli Dassler), questo era il nome della nuova società, Rudolf stava facendo la stessa cosa di prima: le vendite, Adolf, a sua volta, si concentrava sulla produzione.

Puma e adidas: le loro fabbriche sono dall'altra parte della strada ei fondatori sono fratelli

Il primo successo

Le scarpe prodotte dall'azienda dei fratelli iniziarono molto rapidamente a guadagnare popolarità tra gli atleti, in gran parte grazie alla nuova invenzione di Afolf: le punte, che furono realizzate dai fabbri dei fratelli Celain su un ordine speciale. Grazie alle punte, gli atleti hanno ricevuto una maggiore stabilità e le solette ortopediche hanno reso le scarpe più comode. Nel 1928, questa invenzione fu brevettata dall'azienda dei fratelli. Anche Rudolph non perse tempo, grazie al suo lavoro alle primissime Olimpiadi di Amsterdam dopo la fondazione dell'azienda nel 1928, numerosi atleti si esibirono con le scarpe dei fratelli. NelDurante le prossime Olimpiadi, un atleta tedesco che indossava scarpe Dassler vinse una medaglia.

Lo sviluppo dell'azienda fu facilitato dal cambio di potere in Germania, il partito al governo era il Partito laburista nazionalsocialista, il Partito dei lavoratori tedeschi. Prestava molta attenzione allo sport, e quindi le scarpe create dalla compagnia dei fratelli divennero ancora più richieste. Nel 1936, le Olimpiadi si sono svolte a Berlino ei fratelli hanno preso un'altra decisione molto audace: hanno stipulato un accordo con un atleta nero americano - Jesse Owens. In un paese in cui il matrimonio interrazziale era vietato e i figli dei soldati neri dell'Intesa che vivevano nella Renania erano sottoposti a sterilizzazione forzata, tale cooperazione era davvero rischiosa. Ma il rischio si è rivelato giustificato, Jesse in scarpe nuove ha vinto quattro medaglie d'oro e ha stabilito un record mondiale, questo ha reso i fratelli famosi in tutto il mondo. L'azienda ebbe sempre più successo, i fratelli potevano permettersi di assumere sempre più dipendenti, quindi acquistarono l'edificio che avevano preso in affitto, aggiunsero un terzo piano e poi costruirono un'altra fabbrica. L'azienda produceva 1000 paia al giorno, fornendo calzature ad atleti in 11 discipline.

Puma e adidas: le loro fabbriche sono dall'altra parte della strada ei fondatori sono fratelli

Split

Allo stesso tempo sorsero i primi gravi dissidi tra i fratelli, nel lontano 1933 entrambi entrarono a far parte del partito al governo. Ma la storia con Jesse Owens non fu vana per loro, Adolf aveva dubbi sull'ideologia del suo paese, suo fratello non condivideva le sue opinioni, e questo divenne la causa del primo conflitto. La seconda guerra mondiale ha inferto un duro colpo all'azienda, è iniziata una crisi, è stato necessario chiudere la seconda fabbrica e semplicemente non c'erano soldi per la sua manutenzione. Entrambi i fratelli vengono nuovamente mobilitati, l'azienda viene confiscata a favore dello Stato per produrre scarpe per i militari. Ma la produzione non può essere avviata nella scala richiesta, quindi Adolf viene ritirato dall'esercito regolare, una volta è a capo della sua fabbrica.

Rudolph di nuovo ha avuto difficoltà a non arrivare al fronte, ha imitato la cecità notturna, ma neanche questo aiuta. è assegnato a un ufficio di dattilografia nella città polacca di Tuszyn. Nel 1945 disertò, ma fu arrestato dalla Gestapo, fu mandato in un campo di concentramento, ma non era nemmeno destinato ad arrivarci, durante il trasporto fu liberato dai soldati americani. Ma i guai di Rudolph non finirono qui, dopo la fine della guerra fu nuovamente arrestato. Questa volta, per collaborazione con la Gestapo, le autorità di occupazione lo hanno mandato in un campo di internamento.

Arresto

Durante il suo arresto, Rudolph fu informato che qualcuno lo aveva denunciato, sospettava che suo fratello e nutriva rancore. Dopo aver appreso che la procedura di denazificazione era iniziata contro Adolf, iniziò a testimoniare. Secondo lui, nella loro fabbrica, su iniziativa di Adolf, iniziò la produzione di attrezzature militari, e suo fratello fu coinvolto in prima persona nell'agitazione degli operai, parlando loro con discorsi. Conoscendo i disaccordi di Adolf con la festa e il suo amore per lo sport, a causa del quale ha aperto il giocoÈ difficile da credere, ma nonostante questo ha ricevuto una condanna a due anni con sospensione della pena. La fabbrica fu obbligata a produrre pattini da hockey e inviarli negli Stati Uniti, le cose gradualmente migliorarono, i lavoratori non ricevettero più legna da ardere e filati al posto del salario. Ma i rapporti tra i fratelli continuarono a deteriorarsi, dopo la morte del padre nel 1948, decisero di dividere la produzione. Ai dipendenti è stata data una scelta e la maggioranza ha deciso di rimanere con Adolf. Hanno deciso di non creare sneaker separate per sinistra e destra, ma hanno invece avviato due società a tutti gli effetti. Quindi nella stessa città, due fabbriche concorrenti apparvero molto vicine: Addas di Adolf Dassler e Ruda di Rudolf Dassler, in seguito le aziende iniziarono a chiamarsi Adidas e Puma. Il fratello minore rimase nel vecchio edificio e quei dipendenti che rimasero fedeli all'anziano si trasferirono in uno nuovo, che fu chiuso a causa della guerra.

Vivere separatamente

Ciascuna delle società ha cercato di aggirare l'altra , c'era una vera guerra tra i fratelli, gli operai si rifiutavano di sedersi allo stesso tavolo con chi lavorava in una fabbrica rivale. La città si è letteralmente divisa in due campi. Le società hanno regolarmente intentato azioni legali l'una contro l'altra per slogan, con l'accusa di spionaggio industriale. Per la prima volta, le scarpe di Rudolph apparvero su punte sostituibili, iniziò a distribuirle tra le squadre di calcio nei campionati locali, prima dei Mondiali del 1954, i rappresentanti della nazionale andarono da lui per fornire alla squadra gli stivali, ma la società non aveva la capacità fisica per farlo.

Puma e adidas: le loro fabbriche sono dall'altra parte della strada ei fondatori sono fratelli

Di conseguenza, Adolf ha indossato le scarpe per la nazionale, si è anche seduto con la squadra in panchina durante la partita finale, ed è stato lui a convincere i giocatori a sostituire le punte, che alla fine ha giocato un ruolo decisivo in quella vittoria della nazionale tedesca. Dopo questo trionfo, Adolf ha negoziato con il Comitato Olimpico per inserire annunci pubblicitari negli stadi. Entrambi i fratelli hanno coinvolto attivamente i loro figli nella produzione, ad un certo punto il figlio di Rudolf Armin e il figlio di Adolf Horst hanno stipulato un accordo segreto: hanno accettato di non sottrarre atleti a vicenda, e anche di non firmare un contratto con Pelé, per non aumentare i prezzi pubblicitari. Ma quando Puma ha attirato quasi tutti i giocatori della nazionale, Pelé ha avuto domande abbastanza logiche e Armin ha violato l'accordo, così l'inimicizia è passata alle generazioni successive di Dasslers. Il Brasile alla fine vinse la Coppa del Mondo e il contratto di Pelé prevedeva una clausola a parte, secondo la quale, prima dell'inizio di una delle partite, doveva allacciarsi i lacci nel cerchio centrale in modo che il mondo intero potesse vedere cosa c'era ai suoi piedi.

> Nonostante il fatto che i fratelli tenessero adunanze segrete più volte, non hanno mai fatto pace. Ben presto a Rudolph fu diagnosticato un cancro ai polmoni, prima della sua morte, il prete chiamò Adolf e gli chiese di venire, Adolf rifiutò, ma chiese di dire a Rudolph che lo aveva perdonato, e Adidas rilasciò un comunicato ufficiale: la famiglia di Adolf Dassler non vorrebbe dare alcun commento sulla morte di Rudolf Dassler ... Non è nemmeno apparso al funerale di suo fratello, mamorì quattro anni dopo senza riprendersi da un ictus. I fratelli sono sepolti nella loro città natale, nello stesso cimitero, in luoghi diversi, e ora nessuno saprà mai cosa abbia effettivamente causato la loro lite. È stato girato un film su questa storia nel 2016.

Allora da che parte stai?

Messaggio precedente Perdere peso di 66 kg. Mangiavo fast food tutti i giorni e non riuscivo a smettere
Post successivo Come ho perso 45 kg e cosa fare se vuoi dimagrire anche tu