Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

I colori autunnali del Mitino Landscape Park, una pista con ostacoli estenuanti e centinaia di persone che la pensano allo stesso modo si sono riunite in un unico luogo: è così che abbiamo salutato settembre con Reebok. Diventa umano. L'evento si è svolto in due giorni, il 28 e il 29 settembre, e ha riunito molte persone che volevano non solo mettere alla prova la loro resistenza, ma anche mostrare lo spirito di squadra, una delle componenti più importanti della competizione.

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: Ufficio stampa Reebok. Diventa umano

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: ufficio stampa Reebok. Diventa umano

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: ufficio stampa Reebok. Diventa umano

Tradizionalmente, la pista era divisa in più fasi. I test su ciascuno di essi hanno richiesto un rendimento versatile. Alcuni ostacoli richiedevano velocità e concentrazione, per altri - il lavoro dei muscoli delle gambe, delle braccia e della stampa, per il terzo - precisione e ingegno.

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: Ufficio stampa Reebok. Diventa umano

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: ufficio stampa Reebok. Diventa umano

L'unico modo per superare tutti i test con dignità è la giusta preparazione. Imbrogliare o lavorare a malincuore non è sicuramente un'opzione adatta, perché la tecnica di esecuzione dei compiti è stata monitorata da giudici qualificati.

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: Servizio stampa Reebok. Diventa umano

Nonostante la difficoltà della distanza, non solo giovani atleti hanno preso parte alla gara, ma anche atleti più esperti la cui determinazione può essere invidiata.

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: Reebok Press Office. Diventa umano

Al traguardo: medaglie, ma non è questo l'obiettivo. La ricompensa più importante sono le emozioni indimenticabili dell'intero team.

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: Reebok Press Service. Diventa umano

Nel frattempo, i partecipanti più coraggiosi hanno lottato con stanchezza e dolori muscolari, chi voleva sostenerli poteva sedersi in una comoda area interattiva. Il programma di intrattenimento comprendeva un energico DJ set, un'area per arrampicate, un dipinto di scarpe da ginnastica e persino un barbiere.

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: Ufficio stampa Reebok. Diventa umano

Siamo sicuri che non tutti sceglieranno una gara estrema tra l'intrattenimento autunnale. Ma se la prossima volta ti viene in mente, raduna una squadra e vai a conquistare la distanza.

Reebok. Diventa umano. Non avevano paura del freddo, del vento o della fatica.

Foto: Press- Servizio Reebok. Diventa umano

Messaggio precedente La Via della Felicità: cosa fanno gli atleti africani per una vita dignitosa
Post successivo Editoriale di esperimenti. È possibile salvare le scarpe da ginnastica uccise?