I motociclisti dicono: lo sci alpino e il surf sono libertà

Finn Bilous è arrivato a Sochi dalla stessa Nuova Zelanda. Per coloro che non sono molto amichevoli con la geografia, questo è vicino all'Australia, se è più semplice, molto lontano dalla Russia. Finn è un pilota del team internazionale Quiksilver con uno stile unico e speciale. Ha sciato fin dall'infanzia e vive semplicemente negli sport estremi. Il pro-rider del team Quiksilver Russia, il famoso snowboarder Yevgeny Zhun Ivanov , gli ha fatto un vero interrogatorio. Nel nostro articolo, due professionisti parlano di sport, Olimpiadi, amore per il surf, lo sci e i viaggi.

Lo sci come stile di vita

Rong: Tutti i membri della tua famiglia sciano in discesa ... Come è iniziato tutto per te?
Finn: Ho iniziato a sciare all'età di due anni, molto presto, come tutti nella mia famiglia, compreso mio padre, per il cui sci è lavoro. Anche mio fratello va a sciare, spesso sciamo in pista. Quanto a me, in qualche modo ho iniziato a saltare, a fare acrobazie ... e, a quanto pare, per questo sono qui ora ( ride ).

Rong: Per te Lo sci è un hobby o uno stile di vita?
Finn: Per me lo sci è il mio sport preferito, mi ha formato. Uniscono tutta la mia famiglia. Pedaliamo tutti, e forse proprio per questo c'è una vera connessione e comprensione tra di noi.

Rong: Guidi fino al trampolino, salti - vola e cosa ne pensi nell'aria?
Finn: è come il pilota automatico. In questo momento, penso solo al trucco che ora devo eseguire. Dall'inizio della salita fino a quando non mi sposto in un'altra zona, sono il più concentrato possibile, tutti i pensieri nella mia testa riguardano solo il trucco.

Rong: Cosa ti piace di più - strambata, halfpipe o bigair?
Finn: Amo la combinazione di tutto ciò che accade durante il mio noleggio. Il segno distintivo di un buon sciatore è che sa saltare e scivolare altrettanto bene.

Rong: Tuo padre è un istruttore di sicurezza valanghe. Probabilmente sei un esperto in questo settore?
Finn: Sì, ho un grande background in questo senso. Aiuta davvero, perché non importa chi sei o cosa hai ottenuto, puoi sempre essere nel posto sbagliato al momento sbagliato. È molto importante sapere come affrontare correttamente queste situazioni e ho un'esperienza simile.

Rong: Ci sono state situazioni pericolose?
Finn: Nulla di serio. È successo che fosse un po 'coperto di neve, ma niente di rischioso. Mio padre ha avuto un caso in cui una valanga lo ha coperto completamente, ma sta bene, quindi va tutto bene.

Rong: Raccontaci dell'incidente più pericoloso che hai avuto sulla pista?
Finn: Sono stato fortunato, non ho avuto ferite gravi e pericolose. Ma quando avevo otto anni, ho deciso di provare il grande salto. Allora mi sembrava molto grande, perché ero molto piccolo e pesavo anche luigamba. Ho accelerato, appoggiandomi all'indietro davanti al kicker, e una parte dei miei vestiti si è impigliata negli sci, apparentemente negli attacchi. Volo via dal trampolino di lancio e non posso fare nulla, perché sono affezionato. L'atterraggio ha lasciato molto a desiderare: è stato epico. È un bene che non mi sia rotto tutte le ossa.

Rong: Se domani hai un giorno libero e sicuramente non hai bisogno di sciare, cosa farai?
Finn : Mi piace fare diversi tipi di sport. Amo molto il surf e la mountain bike. Mi piace essere attivo.

Rong: Cosa fai di solito a casa in Nuova Zelanda?
Finn: Sono fortunato, vivo in un bellissimo Posizione. Ho tutto ciò di cui ho bisogno: buone montagne, parchi e piste. Vado sempre a fare sport e in Nuova Zelanda, a casa mia, ci sono tutte le condizioni per questo.

Bastoncini, sci, salto e surf

Rong: Cosa ne pensi dei bastoncini da sci? Ne hai bisogno nel freestyle moderno?
Finn: La maggior parte delle volte guido con loro, ma a volte senza di loro. Devi cavalcare senza di loro di tanto in tanto, perché ci sono trucchi che sono più facili da perfezionare senza di loro. Ad esempio, afferrare è più facile senza bastoncini.

Rong: guidare con o senza bastoncini è elegante?
Finn: Penso che sia di più dipende dalle tue preferenze. Qualcuno pensa che sia elegante ... per me comodità e velocità sono in primo piano. Quando guido senza bastoncini, rallenta molto. Per me è più comodo andare con i bastoncini, perché aiutano molto nel freeride.

Rong: Qual è la cosa più importante per te nei tuoi salti?
Finn: Rendi tutto bello. Bello, ampiezza e stile. Quindi pensi che sia venuto da me molto facilmente. Quando salto, sono molto concentrato. Inoltre, ovviamente, non voglio cadere, quindi anche un atterraggio regolare è una delle cose importanti.

Rong: Hai detto che ami il surf, cosa ha a che fare con lo sci?
Finn: La libertà che hai quando pratichi sport. Nessuno ti dice come conquistare l'onda. Proprio come nessuno ti dice come scendere dalla montagna. Questo è l'aspetto creativo e questo è ciò che i due sport hanno in comune.

Rong: Descrivi la tua giornata sugli sci ideale.
Finn: Per me la giornata ideale è quella di alzarmi non troppo tardi o presto, verso le 7-8 del mattino. Quindi fai una buona colazione, gustosa e soddisfacente - necessariamente uova strapazzate, pancetta e qualcos'altro. E subito vado in montagna con i miei amici. Mi piace pedalare in primavera: è un bel periodo dell'anno.

Per la prima volta in Russia

Rong: come ti piace al Quiksilver New Star Camp?
Finn: È davvero fantastico qui! Durante il giorno guido. Le piste sono ottime, il parco è molto ripido e c'è molta neve. C'è sempre qualcosa da fare la sera e di notte ci sono feste fantastiche. Voi russi sapete come illuminare.

Rong: È la prima volta che vieni in Russia e Sochi? Come stai?
Finn: RossIa è fantastico. Non sapevo nemmeno cosa aspettarmi quando sono arrivato qui. Ho letto la notizia su diversi media e allo stesso tempo ero nervoso e molto emozionato prima del viaggio. Non avevo idea di come sarebbe stato. Un viaggio a Sochi in riva al mare, un volo, un viaggio in montagna: è stato fantastico, mi è piaciuto molto.

Rong: Sei d'accordo che abbiamo le ragazze più belle?
Finn: Sono bravi. Ma qui è difficile parlare con tutti, perché poche persone conoscono bene l'inglese. È anche un po 'divertente. Inizi a parlare con le ragazze in inglese e loro ti guardano come se fossi pazzo ( ride ).

Olimpiadi e nuovi obiettivi

Rong: quest'anno sei arrivato alle Olimpiadi, è sempre stato il tuo sogno?
Finn: Sì, è un sogno d'infanzia. Ho visto per la prima volta le Olimpiadi quando ho iniziato a pattinare. Quindi il freestyle non era ancora entrato nel programma delle Olimpiadi. Negli ultimi sei anni ho sognato di essere lì e ho fatto del mio meglio, perché questo è un evento molto interessante. Le Olimpiadi attirano l'attenzione di tutti sullo sport, è una cosa grande e importante, quindi sono felice di farne parte.

Rong: È stato difficile arrivare ai Giochi?
Finn: È successo abbastanza facilmente per me. Non dovevo prepararmi e cambiare me stesso in qualche modo. Ho appena superato la selezione e sono andato ai Giochi.

Rong: Sfortunatamente, non sei arrivato in finale, tra i primi 12 alle Olimpiadi. Ti mancava meno di un punto. Molto arrabbiato?
Finn: Sì, certo, ero follemente arrabbiato. Ho fallito il primo tentativo - sono caduto. Al secondo tentativo ha mostrato un buon livello, ha ottenuto quasi 85 punti, che di solito sono sufficienti per arrivare in finale. Ma il livello degli altri sciatori era molto alto, perché queste sono le Olimpiadi. Mi sono seduto e ho guardato mentre mi spingevano sempre più lontano dopo il mio noleggio. Di conseguenza, il ragazzo canadese è diventato 12 ° e ho superato la finale. Imparo dai miei errori, ottengo motivazione per la prossima competizione. Ovviamente è stata dura, ma sto usando questa esperienza per diventare più forte.

Rong: Andrai alle prossime Olimpiadi?
Finn: Sicuramente ho ancora degli affari in sospeso lì. Voglio vendetta ( sorride ).

Rong: Qual è la cosa più bella che hai visto al Villaggio Olimpico?
Finn: Attrezzature del parco. Siamo andati a controllare la pista ed è stato tutto perfetto. Le piste e i salti sembravano come se fossi in un videogioco. Era molto difficile credere a quello che abbiamo visto.

Rong: Cos'altro ti ha colpito?
Finn: L'intera struttura dei Giochi: Villaggio Olimpico, la forma e il fatto che rappresentassimo il nostro paese era la cosa più importante per me. Mi sono reso conto che le Olimpiadi sono molto diverse dalle normali competizioni, alle Olimpiadi rappresenti qualcosa di più di te stesso.

Rong: Le Olimpiadi sono finite, qual è il prossimo obiettivo?
Finn: voglio migliorare le mie capacità, imparare nuovi trucchi, ne ho alcuni in mente. Voglio sviluppare, vincere concorsi e realizzare nuovi video.

Rong: Ci saranno nuovi progetti in cui potrai essere visto?
Finn: Non prometto ancora nulla. Mi piacerebbe fare un progetto in Nuova Zelanda. Mostra di cosa sono fatti i motociclisti locali, come guidiamo, come viviamo e trascorriamo il nostro tempo. Nella mia patria puoi girare molto materiale buono, questo è un ottimo modo per mostrare quello che faccio, mostrare il mio paese dall'interno. Questo è importante per me.

Rong: Perché lo sci è meglio dello snowboard?
Finn: penso che siano molto diversi. Non lo so, preferisco solo sciare, questo è quello che ho fatto da tutta la vita. Inoltre, non facevo molto snowboard, quindi quale sia più bello è una domanda difficile.

Rong: Ci sono così tanti diversi tipi di sci: acqua, sci di fondo, su ruote ... qualunque cosa tu sia volevi provare? Forse sci nautico?
Finn: Vorrei cavalcare tutti i tipi di sci. A proposito, ho cavalcato l'acqua a casa - molto divertente.

Rong : Conosci la regola principale di uno sciatore? Non mangiare la neve gialla! Lo usi?
Finn: Sì! ( Ride. ) Certo che lo usiamo.

Rong: Cosa vuoi dire a tutti quelli che ci leggono?
Finn: Voglio solo dire grazie alla Russia ea tutti i ragazzi del Quiksilver New Star Camp! Sarò felice di tornare qui, mi è piaciuto molto il tuo posto.

Messaggio precedente Esempio di star: 9 ricette per il buon umore di Aglaya Tarasova
Post successivo Kirill Nagiyev: lo snowboard è rap