Sergey Chernyshev: Volevo essere Optimus, diceva mio padre, mentre raggiungevo Bumblebee

Nell'ottobre dello scorso anno è diventato il primo campione olimpico di break dance. Nonostante il fatto che finora abbia solo l'oro ai Giochi della Gioventù, è fiducioso che presto i combattimenti b di tutto il mondo avranno l'opportunità di misurare la loro forza alle Olimpiadi per adulti.

Sergey Chernyshev ha parlato di preparazione per i Giochi Olimpici e perché è importante per lui fare breakdance a livello professionale.

Sergey Chernyshev: Volevo essere Optimus, diceva mio padre, mentre raggiungevo Bumblebee

Gli abiti dell'eroe sono forniti dal marchio Zasport

Foto: archivio fotografico Zasport

- Hai già raccontato come si sono svolte le Olimpiadi, puoi raccontare più in dettaglio come si è svolto il processo di preparazione ?

- Probabilmente mi sono preparato più mentalmente. Sono volato negli Stati Uniti, ricaricato. L'allenamento prima delle Olimpiadi non era diverso dal mio solito allenamento, mi sono sempre allenato in questa modalità.

- Quando esci sulla pista da ballo, cosa ti aiuta a prepararti?

- Capire perché sono qui.

- Qual è il ruolo di tuo padre come allenatore?

- Fissa obiettivi, imposta la direzione, controlla.

- Ti viene in mente un programma per la performance o ti consulti con tuo padre?

- Non ho un programma. In linea di principio, non esiste un programma per la rottura. Ma tutto quello che mostro ha la sua mano.

Sergey Chernyshev: Volevo essere Optimus, diceva mio padre, mentre raggiungevo Bumblebee

L'abbigliamento Hero è fornito dal marchio Zasport

Foto: archivio fotografico Zasport

- Cosa ti piace di più: marmellate o battaglie?

- Battaglie.

- Qual è stato il tuo punto di riferimento durante l'infanzia? Ci sono persone della cultura della danza, sul cui lavoro sei cresciuto?

- In particolare dai ballerini, non ricordo, ad essere sincero, ce ne sono molti. Quando avevo 11 anni, ero un fan di Hong ten (bboy Hong 10). Mi sono sempre piaciuti anche gli americani, penso che questo sia il tipo di rottura che dovrebbe essere.

- Ora la break dance è inclusa nel programma solo dei Giochi Olimpici della Gioventù, presumi che apparirà sugli adulti nel prossimo futuro Giochi, ad esempio nel 2024 a Parigi?

- Lo ammetto, con una probabilità del 99%.

Sergey Chernyshev: Volevo essere Optimus, diceva mio padre, mentre raggiungevo Bumblebee

I vestiti dell'eroe sono forniti dal marchio Zasport

Foto: archivio fotografico Zasport

- Può accadere che alle Olimpiadi per adulti per posto in nazionale gareggerai con tuo padre?

- No ( ride ). Non balla dal 2001 circa.

- Perché era importante per te che la break dance diventasse uno sport olimpico?

- Questo è sicuramente un passo avanti per la nostra cultura, e quindi per me.

- Ami la break dance, potresti farlo per il tuo piacere, perché è così importante per te farlo a livello professionale? b>

- Perché non sono egoista a farlo per il mio piacere.

Sergey Chernyshev: Volevo essere Optimus, diceva mio padre, mentre raggiungevo Bumblebee

L'abbigliamento Hero è fornito dal marchio Zasport

Foto: Archivio fotografico Zasport

- Sei un campione olimpico, ma sei due ho partecipato allo spettacolo Dancing ed entrambe le volte non ha funzionato molto bene. Ha detto che i giudici sono più coreografi che atleti?

- Adoro la TV, ho sempre voluto arrivarci, poi ho visto l'opportunità in questo progetto. Tutto è con Dances, sono rimasti nel 2017. Ora ho abbastanza altre opzioni.

- Perché Bumblebee?

- Quando è stato piccolo, volevo essere Optimus, disse mio padre, per ora posso solo raggiungere Bumblebee ( sorride ) E in qualche modo è stato risolto, tutti si ricordavano, ora Optimus non è necessario, Bumblebee è più figo ( sorride ).

Messaggio precedente Red Bull Super 100: come scattare senza gettare indietro gli sci?
Post successivo Immersioni per principianti: musei subacquei, licenza e preparazione