Pausa sportiva nello squash. Come sopravvivono i club offline in quarantena

La primavera 2020 ha determinato lo stile di vita di tutta l'umanità e ha chiaramente rallentato il ritmo. In tali condizioni, sopravvive solo chi si adatta alle realtà prevalenti il ​​più velocemente, non importa quanto siano lontani dalla zona di comfort. L'industria dello sport è stata una delle prime a subire questo colpo, quindi ora, dopo un mese di auto isolamento, possiamo parlare dei risultati intermedi del passaggio alla modalità online. Stranamente, la giovane zucca può essere definita uno dei leader del settore questa primavera.

10 anni fa solo i fan della cultura britannica e i fan del film Rabbit Hole conoscevano l'esistenza della zucca, tre anni fa - aderenti a uno stile di vita sano e tutti i tipi di novità le sue manifestazioni. Oggi sono stati aperti circa 140 campi da squash in Russia e 123 giocatori professionisti hanno preso parte all'ultimo campionato russo. Nel 2018 lo Squash è stato richiesto a Yandex poco meno di 32mila volte, nel 2019 questa cifra è salita a 94mila.Per qualsiasi grande federazione sportiva, questi numeri sono abbastanza modesti, ma più eclatante è il percorso che ha intrapreso lo squash russo negli ultimi cinque anni.

Lo squash è lo sport più offline, ma la riluttanza dei club di squash a lasciare andare il proprio pubblico ha creato un'intera rete di attività online che erano richieste non solo dai giocatori di squash.

Formazione online

È difficile sorprendere qualcuno fin dall'inizio del periodo di autoisolamento. Fitness club, studi e personal trainer sono andati subito online e hanno esortato le persone a mantenersi in forma rimanendo a casa. I club e le federazioni di squash non fanno eccezione. Oggi la comunità offre un'ampia varietà di allenamenti per tutti i gusti. E sebbene i giocatori di squash trovino difficile fare a meno di colpire la palla in campo, non si può fare a meno dell'allenamento fisico generale, della coordinazione e dello stretching. A proposito, puoi anche colpire la palla.

Il National Squash Center, a sua volta, ha collaborato con il miglior EliteSquash britannico , il che rende l'allenamento online non solo più efficace, ma anche più utile ... Dopo la lezione, si svolgono incontri con i migliori atleti di diversi paesi.

Social network e coinvolgimento

Oltre all'allenamento, sono aumentate altre attività nei social network. I membri della comunità di Squash si supportano a vicenda, condividono ricordi piacevoli e coinvolgono il pubblico nella comunicazione. Ivan Borodin, vicepresidente della Federazione di squash a Mosca e capo del dipartimento PR della Federazione russa di squash, afferma:

Istruzione

Un altro punto importante nello sport è l'istruzione. Dopotutto, lo squash non riguarda solo la forma fisica e la tecnica, ma anche la strategia. La Federazione sta cercando non solo di mantenere gli atleti in buona forma, ma anche di migliorare le qualifiche del personale che li allena e li giudica. C'è un ulterioresessioni di formazione per allenatori di diversi livelli attraverso trasmissioni in diretta. Gli argomenti di tali trasmissioni sono divisi in diverse direzioni: analisi tattica del gioco, analisi dei vari stili, sviluppo del processo di allenamento e tutto ciò che può aiutare l'allenatore a portare il reparto a un risultato elevato.

Una formazione simile viene svolta con gli studenti nei club. I campi da squash non si sono limitati alle proprie risorse e hanno iniziato a invitare ospiti stranieri che occupano posizioni di primo piano nelle classifiche mondiali.

Psicologia

La federazione ha uno psicologo dello sport a tempo pieno che partecipa alle conversazioni e aiuta i giocatori, sia professionisti che dilettanti, a percorrere questo difficile percorso di isolamento dal campo e mantenere il giusto umore.

Questo è un periodo difficile per l'industria dello sport, ma ora più che mai è importante fare ogni sforzo per tornare a condizioni familiari senza perdere, ma solo guadagnare.

Messaggio precedente Palestra sul balcone: 7 idee per organizzare uno spazio di allenamento
Post successivo L'allenamento quotidiano sulle barre orizzontali ha portato al titolo mondiale. La storia di Andrea Laros