QUEL BULLETTO DEL CARCIOFO - 59° Zecchino D'oro 2016 - Canzoni Animate

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Viaggiare dall'altra parte del mondo per trovare l'amore sembra un ottimo inizio per un romanzo di finzione o un film di moda come Eat Pray Love. Ma cosa succederebbe se potessi andare dall'opposto e, dopo aver trovato il tuo amore, partire alla scoperta di nuovi orizzonti, conquistare luoghi ribollenti e scalare vette innevate?

La storia di Olya Raskina e Kirill Umrikhin esattamente su questo.

- Come vi siete conosciuti?

Kirill: Conoscevo Olya da molto tempo, all'inizio L'ho vista una volta quando sono andato in Egitto, ero un fotografo a un festival a Hurghada. Sapevo che Olga Raskina sarebbe stata lì, ha partecipato lì e ho dovuto fotografarla. Poi ci siamo incrociati letteralmente con lei per 5-10 minuti. Anni dopo, sono diventato team manager di Quiksilver e Roxy, Olya veniva ogni sei mesi, era impegnata nel windsurf. Nessuno capiva appieno che tipo di sport fosse, ma ha pattinato molto bene, quindi l'abbiamo supportata ( sorride ).

Ha anche mostrato foto incredibilmente belle da tutto il mondo e di nuovo a sinistra. Un giorno è venuta e ha portato un'incredibile foto di Lena Bam da Mauritius, da un elicottero. Quando ho visto queste foto, ho appena avuto la mia vista. Barriere coralline sottomarine, panorami in elicottero, Olya cavalca l'onda, è stato così bello che ho detto che anch'io voglio girare così. Si è offerta di organizzarlo. Così è iniziato tutto.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Olya Raskina

Foto: da personale L'archivio di Kirill Umrikhin

Olya: Ci siamo visti davvero raramente, si è scoperto che ho portato il mio rapporto annuale, Kirill lo ha approvato ed ha espresso alcuni desideri, puramente rapporti d'affari ( sorridi ).

- Olya, esattamente come hai iniziato a fare windsurf?

Olya: Facevo snowboard, ho avuto un infortunio, poi i miei amici e io siamo andati a Dahab. A quel tempo, l'Egitto era una vera Mecca per gli sport estivi, anche prima delle rivoluzioni e di tutti i tipi di cataclismi politici. C'erano gare molto grandi. E letteralmente un mese dopo aver iniziato a pattinare, mi è stato offerto un lavoro alla stazione di Five Squares. Sono rimasto e ho imparato a guidare.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Olya Raskina è un'atleta del Team Toyota Russia

Foto: dall'archivio personale di Kirill Umrikhin

- Riesci a ricordare un momento di un'uscita in comune quando eri spaventato?

Olya: Al tramonto, letteralmente mezz'ora prima che facesse buio, abbiamo fatto un breve viaggio nello spot di surf più difficile chiamato One eye. Ero in acqua e Kirill e la nostra amica comune Lena stavano filmando. Non appena sono sceso dalla barca, è diventato chiaro che era impossibile guidare. Non c'erano solo onde molto grandi, ma giganti, solo una specie di inferno! Non c'era modo di uscire sull'onda. E in quel momento abbiamo sentito delle urla, e queste non erano nemmeno grida di aiuto, l'uomo è semplicemente annegato e ha urlato con le sue ultime forze. Ho iniziato a servire i ragazzim ci sono segnali sulla barca in modo che non galleggino via, ma per vedere cosa sta succedendo, anche lei ha cercato di remare in quella direzione.

L'uomo è semplicemente annegato! E la barca, a causa del fatto che c'erano onde molto grandi e c'era poca acqua, non poteva avvicinarsi alla barriera corallina, era troppo pesante. Pertanto, i ragazzi sono passati dall'altra parte, gli hanno lanciato una corda, è riuscito ad afferrarla. E in quel momento arriva un set gigante! La cosa successiva che ho visto è stata un'onda in corso, la barca dà il massimo del gas e vola via al livello di 2-3 piani. È stato molto spaventoso perché non sapevamo cosa sarebbe successo dopo. Se improvvisamente la barca si capovolge, non dovrai salvare una persona, ma l'intera squadra. E come farlo, non avevo idea, perché non ci sono nemmeno i bagnini a Mauritius. Sulla riva, ho saputo che i ragazzi sono riusciti a tirare il francese fuori dalla zona di collasso, dove è stato prelevato da un'altra barca.

Olya: Quando stavano salvando i ragazzi, era la situazione più terribile. Ho avuto una storia simile, una volta che il mio equipaggiamento si è rotto, sono stato risciacquato sulla barriera corallina e Kirill ha cercato di salvarmi. Ma ho capito più o meno cosa fare, quindi è stato un po 'più facile per me.

Kirill: Eravamo in mare, lei ha cercato di nuotare verso di noi, le onde la picchiavano, abbiamo aspettato finché sarà possibile entrare all'interno del reef, siamo passati, ma è stato portato via di nuovo, abbiamo aspettato di poter uscire. E così hanno inseguito Olya per 40 minuti finché non è stata portata da noi.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Foto: dall'archivio personale di Kirill Umrikhin

- Cosa è importante tenere in considerazione nell'allenamento fisico di fronte a una situazione del genere?

Kirill: È molto importante essere preparati psicologicamente e non puoi andare direttamente in grandi onde. Le onde sono buone per questo, che anche quando una piccola onda sibila, rotola, ti colpisce, la persona capisce immediatamente molto chiaramente cosa accadrà quando saranno più grandi. In questo caso, l'istinto di autoconservazione inizia a funzionare del 200%, a differenza di altri sport.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Foto: dall'archivio personale di Kirill Umrikhin

- Cosa fai per calmarti in questi momenti?

Kirill: All'inizio immaginavo te stesso un delfino. Quando ho iniziato a girare, ho immaginato che fosse davvero molto bello e mi ha calmato.

- Quanti giorni all'anno trascorri in viaggio?

Olya: Mezzo mese a Mosca, un mese in viaggio. Kirill è decisamente di più.

Kirill: Il problema con questi viaggi è che se sei un fotografo, praticamente devi andare per un mese. Le maree, le onde, il vento sono sempre molto imprevedibili, dipende anche dalla luna. Pertanto, è necessario essere in viaggio tutto il mese per catturare tutte le fasi della luna e tutte le fasi del flusso e riflusso. A questo proposito, è molto più facile per gli snowboarder, lì puoi fare tutto letteralmente in 10 giorni.

- Qual è il viaggio più bello, dove eravate insieme e dove separatamente?

Kirill: Il viaggio più bello insieme è l'ultimo, siamo appena tornati dalle Hawaiile loro isole. Abbiamo costantemente sopportato questo viaggio a causa dei bambini, siamo andati costantemente a Mauritius, a cui siamo già abituati. E così Olya ha deciso di regalarmi i biglietti per il mio compleanno per smetterla di rimandare questa attività ( sorride ).

Nell'ultimo anno, ho partecipato da solo a diversi progetti interessanti. Uno era associato a una spedizione in Antartide ea settembre ho vinto un grande progetto chiamato progetto speciale Nikon e ho organizzato una spedizione alle Isole Comandanti. Lì ho chiamato Olya su un telefono satellitare e lei mi ha detto: Ragazzi, avete quattro giorni prima della tempesta! Ragazzi, avete tre giorni prima della tempesta! Fuori di lì! Piedi nelle mani!, Ragazzi! Tra due giorni ti verrà in mente qualcosa che, come ha detto il capitano, vomiteranno tutti! Esci !. Non c'era alcuna connessione, Internet, quindi ci siamo contattati alle tre del pomeriggio e lei ci ha fornito un riepilogo delle notizie meteorologiche.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Foto : Dall'archivio personale di Kirill Umrikhin

Olya: Sono andato in Madagascar da solo, abbiamo filmato un progetto per Air Madagascar. Appena arrivato, sono stato subito prelevato da un taxi, portato sulla costa, messo in una specie di torta, ei ragazzi del posto prima remavano, poi salpavano. Abbiamo impiegato molto tempo per raggiungere la piccola isola. Mentre guidi, solo razze giganti nuotano sotto di te, e non hai solo paura di cadere, hai paura anche di starnutire o tossire, sono cinque, sei volte più grandi di una tavola da windsurf ( ride ). Dietro di loro ci sono vari serpenti, tartarughe, come in un acquario.

- Se scegli, allora le onde o le montagne sono più vicine per te?

Olya: Per me le onde sono una passione costante, impari qualcosa di nuovo, progredisci, a volte finisce per far male. È lo stesso in montagna, ma lì cerco di cavalcare nel modo più sicuro possibile, con un cicalino, i miei amici-guide, non salgo in zone pericolose ... ma sulle onde questo è impossibile, se non sali sotto la vetta, allora non prendi l'onda. Quindi sulle onde vado molto più spesso, ma provo anche più emozioni. Anche se no, non posso scegliere, è solo spazio in montagna!

Kirill: Se avessi la possibilità di scegliere, farei di tutto per non scegliere. È impossibile separare l'uno dall'altro. L'ideale è combinare questi due elementi incredibilmente potenti.

- In quale luogo sceglieresti di trasferirti per un po '?

Kirill: Ecco perché ci viaggiamo molto perché stiamo cercando il nostro posto ( sorride ). Ce l'abbiamo nella nostra testa, ma è molto difficile trovarlo nella realtà. Trovare il paese o la città perfetti è difficile, ma in un modo o nell'altro dovremo decidere nei prossimi anni, perché i bambini presto andranno a scuola.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Foto: dall'archivio personale di Kirill Umrikhin

- Il viaggio è un sogno d'infanzia o è già apparso in età adulta?

Kirill: La fotografia è diventata il mio sogno, volevo fotografare le montagne, ma allo stesso tempo non vivevo in montagna, quindi dovevo andarcicavalcata. L'oceano è arrivato con Olya, è esploso nella mia vita in una grande ondata e non ha lasciato scelta.

Olya: Ero una studentessa di botanica, ho studiato a Mosca, ma ho capito che se vivi così tutto l'anno, poi impazzirò. Ho quindi cercato di organizzare i miei studi in modo tale da partire per la montagna in inverno. Viaggiare ha reso la mia vita ricca e piena, e adesso.

- Cosa è cambiato in termini di viaggio con la nascita dei bambini?

Kirill: Tutto! ( Ride .) In realtà ho iniziato a pattinare dopo la nascita dei bambini. In precedenza, Olya pattinava e io ero con una telecamera. Con la nascita dei bambini, è risultato così: Pattini di Olya - Sono con un bambino e con una telecamera, Olya ha smesso di pattinare, lei è con un bambino e non ho nessuno da filmare, quindi ho iniziato a pattinare. La pianificazione dei viaggi è cambiata molto, ora è necessario pensare con attenzione e con fermezza in anticipo, a biglietti, alloggi, date, orari. Ovviamente, i budget sono cambiati, viaggiare con un bambino e ora con due è diventato molto più costoso.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Foto: dall'archivio personale di Kirill Umrikhin

- Il tuo maestro delle cose che raccogli per un viaggio? Si ha la sensazione che tu stia portando via metà dell'appartamento.

Kirill: È un dato di fatto! Le persone si chiedono come posso trasportarlo subito. Come questo possa essere stipato in una macchina, i tassisti non capiscono affatto come si inserisce nella loro auto. Per me l'attrezzatura fotografica è obbligatoria, per Olya è attrezzatura sportiva, abbiamo un intero magazzino con la sua attrezzatura vicino alla casa, affittiamo una stanza dove si trovano solo tavole e vele.

Poi raccogliamo le cose, ma cerchiamo di non prendere molto, puoi prendere una valigia per due. Quindi iniziamo a raccogliere i bambini, assicurati di prendere una bicicletta, una bici da corsa. Con il nostro secondo figlio, abbiamo scoperto la bellezza del nostro passeggino Thule Urban Glide . Non capisco come facevamo a vivere senza, senza queste grandi ruote capaci di guidare assolutamente ovunque. È difficile persino chiamarlo pubblicità, è la cosa più necessaria (dopo la telecamera e il windsurf, ovviamente). Abbiamo anche un rimorchio per bici Thule Chariot , che in inverno puoi "mettere" gli sci e correre nella foresta con tuo figlio in un carrello dietro la schiena. Gli sciatori in giro sono molto colpiti e il bambino dorme dentro. Tutta la famiglia è, per così dire, nello sport ( sorride ).

- Hai provato a mettere il bambino più grande sulla tavola, sugli sci o sul surf?

Cyril: Cavalca un bodyboard, questa è una tavola su cui si rotola sulle onde sdraiati, e prima se ne è dimenticato, e l'ultimo giorno a Mauritius si è ricordato, e siamo andati prima dell'aereo alla riva dove ha preso l'onda. In inverno lo mettiamo sugli sci, ora lo mettiamo in gruppo, e ha già iniziato a sciare lui stesso. Per i bambini, lo sci è meglio dello snowboard, si sviluppano, poi lui decide cosa vuole.

- Quali sono gli sport di tendenza per i bambini adesso?

Kirill: La runbike, che è popolare in Russia, provoca una raffica di emozioni in Europa e in America, perché tutti hanno scooter sui quali i bambini si stancano, ma qui se un bambino è stanco, può fermarsiOvat, siediti.

Prendi i bambini e fai il giro di mezzo mondo. È anche possibile?

Foto: dall'archivio personale di Kirill Umrikhin

- Ci sono cose che rimandi costantemente a causa del trasloco?

Kirill: Ristrutturazione della casa, ci sono anche pensieri sulla creazione di una sorta di spazio confortevole, analisi delle valigie. Non è sempre possibile lavorare con Mosca, a causa della differenza di fuso orario. Ma non direi che questo sia un problema.

- Dove andrai dopo?

Kirill: Voglio andare dove- o senza figli, perché insieme siamo andati solo a Parigi, ma prima del volo mi sono fatto male alla schiena e camminavo a malapena. Dove, non lo so ancora, ma voglio davvero vedere l'Australia o la Nuova Zelanda, questa è l'ultima terraferma dove non siamo ancora stati.

Webinar internacional com Francesca Valan - Design Unesc

Messaggio precedente Tour alla finale di UEFA Champions League. Come arrivarci con un budget limitato e dove alloggiare?
Post successivo Scopri se puoi: e se Kokorin fosse una ragazza e Sharapova un uomo?