LA MAGIA DEL CALCIO - (Il Sogno di Alex)

Il film Coach: il film sul calcio russo non può essere girato meglio

- Calcio, Yura, questa è terra bruciata ricoperta da uno strato di merda di tre metri: le parole del sindaco di una città del sud sono impresse nella memoria dopo aver visto il trailer.

Quali associazioni hanno la gente comune con il concetto di calcio russo oggi? Tifosi pazzi, stipendi dei giocatori enormi e una prestazione disgustosa della nazionale. Nel film The Coach, tutte queste questioni vengono sollevate, mostrate in modo troppo positivo. Questo perde leggermente il senso della realtà.

Il debutto di Kozlovsky

- Il calcio è il mio sport preferito, - ha detto il regista Danila Kozlovsky prima della premiere. - Sono uno di quei ragazzi che hanno combattuto nei cortili con scarpe da ginnastica trasandate e con una vecchia palla. Volevo davvero interpretare il ruolo di un allenatore in un film. All'inizio non avevo nessuna intenzione di fare un film sul calcio, era un progetto di produzione. Il mio compito era trovare un regista e interpretare il ruolo principale nel film. Quando ho sviluppato la sinossi, quando la trama è apparsa nella mia testa, ho capito che avrei potuto riprendere tutto da solo.

Coach - il debutto alla regia di uno degli attori russi più famosi Danila Kozlovsky. Inoltre, è diventato sceneggiatore e produttore del film e ha anche svolto un ruolo importante in esso. L'allenatore è un dramma sportivo sul calcio, che viene rilasciato pochi mesi prima dell'inizio del primo campionato del mondo in casa nella storia della Russia. Il genere e il torneo in arrivo aumentano le possibilità del film di incassare un botteghino decente. Tuttavia, il successo di Legend No. 17 e Move Up ha dimostrato che le storie di sport sono ciò che attrae lo spettatore oggi. Probabilmente, l'allenatore terrà compagnia a questi film, anche se ci sono diversi bug.

Trama e cast

Il problema del film di Kozlovsky non è nella trama, che, tra l'altro, è molto buona.
L'attaccante della nazionale russa Yuri Stoleshnikov commette un errore fatale nella partita con la squadra rumena, e la sua squadra perde nell'incontro decisivo. Man mano che il gioco procede, Stoleshnikov guadagna un cartellino rosso, e poi entra in conflitto con i fan, a seguito del quale viene squalificato (troppo a lungo per un simile reato) e la fine della sua carriera. Qualche anno dopo, Yuri riceve un'offerta per dirigere la squadra di calcio Meteor, giocando nella FNL. Come coach Meteor Stoleshnikov dovrà credere di nuovo in se stesso.

Il budget del film era di 390 milioni di rubli (il regista ha notato che questo non è sufficiente per un film del genere). Secondo Kozlovsky, parte dei fondi è stata stanziata dallo stato, inoltre, lo Studio TRITE di Nikita Mikhalkov e la holding VGTRK hanno contribuito in modo significativo all'implementazione del progetto. Il cast merita solo recensioni positive. L'inimitabile Irina Gorbacheva ha interpretato il presidente del club, Larisa Volskaya. Non è un parallelo con Olga Smorodskaya, che ha recentemente lavorato alla Lokomotiv? Padre Volskaya, e contemporaneamente il sindaco della città meridionale dove si svolgono gli eventi, è stato interpretato da Viktor Verzhbitsky. E il padre di Stoleshnikov è stato interpretato da Andrey Smolyakov.

Conflitto datsov e i bambini in generale giocano un ruolo importante nel quadro. La figlia non può sfuggire al patrocinio di un padre influente e suo figlio, un giocatore di football, non riesce a capire se la persona più importante della sua vita sia orgogliosa di lui. Sono i dialoghi tra Yuri e suo padre i più forti nel film, così come la scena dell'addio.

Kozlovsky ha invitato i giocatori professionisti a interpretare il ruolo di calciatori. Vlad Khatazhenkov, Alan Gatagov, Dima Sychev, Dmitry Smirnov sono nomi familiari per gli appassionati di calcio. All'inizio del film, Meteor gioca con Tambov, che in realtà è allenato da Andrei Talalaev. E sullo schermo, Andrey Viktorovich guida la squadra avversaria. Anche gli stadi sono reali. Le arene di Krasnodar e Spartak sono girate in modo stupendo: vuoi solo comprare un biglietto e andare a giocare a calcio. Ma il gioco stesso viene mostrato in modo un po 'specifico. Diciamo, per un dilettante. Molto veloce, aggressivo, con un cambio di prospettiva istantaneo. Sarà insolito per un appassionato di calcio vedere una partita come questa.

Gli sport sono più belli dei film

Kozlovsky prestava molta attenzione anche ai tifosi di calcio. Sono presentati nel Trainer in una sorta di veste idealistica. Chiarimenti, torsi nudi, canti sono, ovviamente, fantastici. Ma i fan in Russia non sono così. Ci sono intellettuali e ci sono fessi. Nel film, i fan sono solo un gruppo di persone che prima odiano l'allenatore e poi lo adorano. Non posso crederci.

Ma Kozlovsky ci riesce, che ha messo tutta la sua anima nel quadro. Il suo Yuri Stoleshnikov è una persona molto emotiva e ardente. Vorrei entrare in empatia con lui e tifare per lui. Stoleshnikov è impossibile non credere. Ma questo non è ancora abbastanza per credere al film. Man mano che la trama si sviluppa, il pensiero non lascia che gli eventi siano inventati e non abbiano nulla a che fare con la realtà. Fin dall'inizio, lo spettatore sa come finirà l'immagine. Anche il processo di ripensamento di ciò che sta accadendo è veloce e in qualche modo troppo facile.

Trainer in dimostra ancora una volta che un evento sportivo si sovrappone a un lungometraggio molte migliaia di volte sulle emozioni. Una vera vittoria ti dà una tale spinta, adrenalina ed energia che non otterrai nemmeno sulle montagne russe. Cosa possiamo dire del cinema. E nella vita, il calcio russo è in uno stato più deplorevole e ci sono solo poche persone che vogliono fare qualcosa per la società. Non importa quanto possa sembrare duro, il nostro calcio non ha la stessa storia dell'hockey e del pattinaggio artistico. Non abbiamo vittorie di cui, decenni dopo, il mondo parla con aspirazione. Dalle personalità di scala mondiale, ci sono solo Dasaev e Yashin. Il calcio non ha una propria super serie o una propria finale olimpica.

In Coach, gli eventi si svolgono intorno all'inutile Coppa di Russia. Probabilmente, semplicemente non c'è film migliore sul nostro calcio.

NAPO & BROTHERS #8 | The Coconuts Travel [Prendersi un anno sabbatico]

Messaggio precedente Impara a sognare: storie incredibili del fotografo Kirill Umrikhin
Post successivo 10 film preferiti di Anton Miranchuk