Workout HIIT (High Intensity Interval Training) Con Tempi 40/20

Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Alla vigilia del nuovo anno, verrà pubblicato Moving Upward , dedicato alla leggendaria partita di basket e alla vittoria della nazionale sovietica alle Olimpiadi di Monaco del 1972. Il risultato della partita tra URSS e USA è stato deciso negli ultimi secondi. I giornalisti di "Championship" hanno potuto assistere a una proiezione privata della stampa e sono stati tra i primi a vedere cosa è successo con i creatori di "Crew" e "Legend 17".

Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Foto: ripresa dal film" Moving Up "

Per essere più obiettivi, siamo andati alla prima insieme al curatore della sezione“ Basket ”Nikita Zagday. Nella nostra recensione presenteremo due posizioni: una persona che non capisce il basket e ogni 15 minuti tirò fuori freneticamente il suo telefono per controllare la trama troppo tortuosa con i fatti di Wikipedia, e una persona che sapeva esattamente cosa stava succedendo in quegli ultimi secondi su ed è venuto all'auditorium per capire se il film parlava di "basket" o se era solo un bellissimo quadro artistico e commerciale.

Uno sguardo non basket al film "Moving Up"

Per tutto il film ho avuto la sensazione: "Beh, non potrebbe essere così in realtà!". Pertanto, la mano ha allungato la mano verso il telefono per ricontrollare ancora una volta i fatti studiati alla vigilia della premiere. Nella mia recensione, cercherò di concentrarmi su quei fatti che potrebbero catturare lo spettatore più comune che è venuto al cinema. Personalmente, come persona che non è molto immersa nel tema del basket, ero più preoccupato per la domanda: "Com'era nella realtà?".

Sulla trama del film: 1970 - nella squadra nazionale di basket dell'URSS viene sostituito il capo allenatore, con la dicitura “il governo sovietico non perdona le perdite”. Il mitico Gomelskiy viene sostituito dal non famoso allenatore dello “Spartak” di Leningrado Vladimir Petrovich Garanzhin (il prototipo è il vero allenatore della nazionale Vladimir Petrovich Kondrashin). Con lui cambia tutto: dal roster alla metodologia di allenamento e alle tattiche di gioco. La nazionale non ha solo un obiettivo ambizioso ma, a prima vista, irraggiungibile: battere gli invincibili americani alle Olimpiadi di Monaco nel 1972.

Com'era in realtà?

Le partite tra atleti statunitensi e sovietici in tutti gli sport sono sempre state di natura fondamentale. La squadra di basket degli Stati Uniti era la favorita in vista del torneo di giochi del 1972. Dal 1936, cioè dal momento in cui il basket è apparso nel programma Summer Games, gli atleti americani non hanno mai perso.

Sullo sfondo della trama principale, si dipanano diverse linee complesse e allo stesso tempo drammatiche, che rendono questo film vivo e pieno. Il figlio di Vladimir Petrovich ha bisogno di un'operazione costosa all'estero, l'unica possibilità per convincere il governo sovietico a firmare tutti i fogli di uscita è diventare un eroe, fare qualcosa di impossibile e importante per tutti gli sport sovietici.

Com'era in realtà?

Il figlio del leggendario allenatore Vladimir Kondrashin Yuri aveva davvero bisogno di un'operazione costosa, è stato costretto su una sedia a rotelle per tutta la vita. Diagnosi: paralisi cerebrale.
Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Foto: fotogramma del film "Moving Up"

Parallelamente a questo, la trama gira intorno al centro della squadra nazionale di Alexander Belov. Durante un viaggio in un campo di addestramento in America, gli viene diagnosticata una malattia rara: il sarcoma cardiaco, i medici gli danno da sei mesi a un paio d'anni di vita.

Com'era in realtà?

Dopo le Olimpiadi di Monaco, Belov visse altri sei anni. Il famoso atleta è stato curato da un intero gruppo di eminenti professori, che hanno stabilito la causa della sua malattia: una maglia di conchiglia. Una malattia quando la calce, come una conchiglia, copre il muscolo cardiaco di anno in anno. Alla fine la persona smette di respirare. La malattia era incurabile e i medici lo sapevano molto bene. L'allenatore di Belov Vladimir Petrovich Kondrashin ha cercato di trovare un medico negli Stati Uniti che potesse curare il suo talentuoso studente, ma questo tentativo non ha avuto successo. Quando Belov è andato davvero male, ha scritto una lettera alla sua amica Vanja Rozhin dicendo che avrebbe lasciato in eredità la medaglia olimpica all'allenatore (quindi solo i giocatori hanno ricevuto medaglie).
Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Foto: ripresa dal film "Moving up"

Il motto degli ultimi anni di vita di Belov è la frase "Finché è vivo, tutto è possibile". Questo permea l'intera trama del film. La vittoria della nazionale negli ultimi secondi della partita diventa non solo una vittoria per la nazione, ma qualcosa di più personale per ogni eroe di quella stessa partita. Allora non fu deciso solo l'esito del duello, ma fu deciso il destino.

Ma queste non sono tutte le trame, i colpi di scena, il film ha anche trovato il posto per una bellissima storia d'amore tra Alexander Belov e Alexandra Svechnikova (il prototipo dell'eroina è la cestista Alexandra Ovchinnikova ). E feste georgiane con Zurab e Mishiko ( Mikhail Korkia e Zurab Sakandelidze - "tandem georgiano" - i giocatori della nazionale dell'URSS).

E il famigerato "attacco terroristico olimpico" che ha ucciso 11 persone della squadra nazionale israeliana. Il mio collega ti dirà di più su questo nella recensione.

Tutto questo deve essere osservato, devi sentire e portare avanti te stesso, e se lo dici in anticipo, non sarà interessante da guardare. La cosa principale che vorrei sottolineare, parlando del film, si è rivelata onesta sia nei nostri confronti che nei confronti del team americano. A differenza dei giocatori di hockey da cartone animato di Legend 17, nel film Moving Upward, entrambe le squadre hanno ricevuto credito, non c'era l'obiettivo di mostrare gli americani in svantaggio, era l'obiettivo di trasmettere l'atmosfera di una battaglia di campioni contro campioni, meglio contro migliori.

La pallacanestro guarda il film "Moving Up": una storia che doveva essere inventata

Nikita Zagdai, curatrice della sezione Basket, ci racconta

Macchina rossa, sport sovietico, giocato per il paesee altri cliché stereotipati possono essere tranquillamente buttati fuori dalla tua testa quando vai al cinema con Move up. Tutto quello che devi sapere su questo film è che non si tratta di basket.

Questa era solo la mia più grande paura. Perché sapeva con quanta riverenza i creatori si avvicinassero alle storie di basket. Il regista Anton Megerdichev ha approfondito l'argomento in modo da iniziare a guardare riviste televisive tematiche e studiare notizie di basket. Ivan Edeshko ha agito come consulente ed era praticamente responsabile dell'accuratezza della trama.

Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Foto: fotogramma dal film "Movement up ”

L'autore di quel passaggio, l'eroe dell'episodio principale e uno dei creatori della vittoria è complice dell'adattamento cinematografico! Persone di pallacanestro hanno preso parte alle riprese. Dal campione d'Europa 2007 Nikolay Padius agli eroi delle strade di Mosca. E c'erano serie preoccupazioni che sarebbe stato solo un film sportivo per un pubblico estremamente ristretto. Per le riprese del film, un campo da basket è stato assemblato praticamente dalla schiuma. Per sparare acrobazie e non uccidere gli attori e acrobazie sul pavimento duro. Ma tutto questo, come si è scoperto, è solo un'illustrazione per un'altra storia.

  • Munich 72 non è solo una favola sportiva con un lieto fine. Questo è qualcosa di più. Per cominciare, questa è semplicemente una delle favole olimpiche più incredibili. Non è un caso che gli americani non si siano ancora tolti le medaglie d'argento, come se aggiungessero qualche tocco in più a quella mistica storia. Ma anche in questa leggenda ci sono ancora mille righe di script nascoste che non devi nemmeno inventare.
  • Monaco è una tragedia politica. I terroristi sparano alla squadra israeliana e cambiano lo sport olimpico. Colorazione politica (ma per qualche motivo sotto lo slogan lo sport è fuori dalla politica), sicurezza: tutti questi sono quasi gli aspetti più importanti di ogni Olimpiade successiva.
  • Monaco di Baviera è il punto di partenza del basket mondiale. Nel 1972, gli americani hanno perso per la prima volta. E il confronto è nato nell'ambito della Guerra Fredda. URSS contro gli USA. L'aspetto del basket ora è una conseguenza di quella battaglia. Il risultato di tutto ciò è l'emergere del dream-team in 20 anni e la globalizzazione del basket. 3 secondi non si sono limitati a capovolgere il mondo, ma a mescolarlo, ma non a mescolarlo immediatamente.
  • Monaco ha dato vita a un vero confronto tra allenatori. Gomelsky ha creato la stessa squadra. Ma Kondrashin è riuscita a vincere le Olimpiadi con lei. E poi il basket domestico si è diviso in due campi. Per motivi di giustizia - Gomelsky ha vinto l'oro ai Giochi solo all'88 °. Mettere fine al capitolo sul basket intitolato Tips against the United States.
Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Foto: fermo immagine da "Moving Up"

  • Questa vittoria ha praticamente formalizzato Sergey Belov lo status di leggenda. Senza questo oro, la sua grandezza era leggermente meno sorprendente. Da giocatore di basket dominante dei suoi tempi com'era, solo le vittorie fanno grande. E 20 punti in finale contro gli invincibili americanifavore, l'impresa principale nella carriera di Sergei Belov.
  • Alexander Belov - l'autore del tiro vincente e il proprietario di una malattia incurabile. Una storia del genere potrebbe essere inventata solo dalla vita stessa. Diventa l'eroe dell'episodio principale della storia del basket olimpico e muori a 26 anni.
  • Ivan Edeshko . Dichiarante con un'altezza di 195. Era anni in anticipo sui tempi. E nella squadra nazionale, non così veloce, ma un regista alto è apparso proprio su iniziativa di Vladimir Kondrashin. Know-how dei primi anni '70. Magic Johnson del suo tempo! Il risultato è lo stesso passaggio. Un'altra trama.
  • Modestas Paulauskas. Una delle prime leggende lituane. Sono quasi scappato dall'URSS. Ma è rimasto e ha vinto le Olimpiadi. Un'altra trama che merita un adattamento cinematografico.
Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo
  • Vladimir Kondrashin. Quello che non aveva paura di esperimenti audaci e si preparava separatamente per la partita con gli americani. Ha scommesso su Edeshko. Ha rilasciato per la prima volta due georgiani, Sakandelidze e Korkia, insieme in finale, elevando il livello di passione all'estremo.
Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Foto: Un'immagine dal film "Moving Up"

Questa è la storia delle persone. Quelli per i quali il basket era il senso della vita, ma per qualcuno lavorava. I registi di Upward non hanno scelto la storia. Hanno mescolato tutto e intrecciato insieme. Costumi lavorati a maglia di atleti sovietici e decorazioni eccellenti. Un po 'di politica di partito, che all'epoca era una parte importante degli sport dilettantistici. E storie incredibili di persone. Nazionalità diverse, nate in villaggi, città, culture diverse e che comunque adottano la bandiera comune dell'URSS.

Dopo aver visto il film, trattenendo goffamente la sua gioia, volevo fare solo una cosa: comporre il numero di Ivan Edeshko e porre due domande. Ivan Ivanovic ha risposto immediatamente alla chiamata.

- Con quale precisione vengono trasmessi i caratteri dei giocatori di quella squadra?
- Leggermente esagerato, ma non viene inventato nulla. Quasi tutto era così.

- La cronologia della partita finale delle Olimpiadi è una mossa artistica?
- Cosa vuoi dire ?! Abbiamo parlato, discusso e discusso di tutto tante volte. I realizzatori volevano trasmettere le emozioni e l'atmosfera di quel periodo nel modo più accurato possibile. Ovviamente, il basket viene mostrato in modo diverso. Ma il succo è corretto. Abbiamo vinto quella partita e ci siamo quasi persi. Sergei Belov è stato fantastico. Nessuno degli americani poteva fermarlo. Tutto questo è mostrato e c'è un po 'di giustizia in esso. Certo, non abbiamo segnato con questi mostri, ma me lo hanno spiegato con il desiderio di mostrare tutta la luminosità del basket. Quindi se non ti concentri su tutte queste acrobazie, allora sì. Il film è più un documentario che una finzione.

Movimento verso l'alto: i 3 secondi che hanno scosso il mondo

Nazionale di basket dell'URSS

Ora che il film è già pronto per le anteprime, i produttori sono impegnati in una seria promozione. E questo non è solo l'uso di strumenti dell'industria cinematografica nazionale con cartelloni pubblicitari nel centro di Mosca. essouna vera storia di basket. Gli attori vanno alle partite, insieme ad Alzhan Zharmukhamedov e Ivan Edeshko hanno organizzato una sessione di autografi all'Eurolega. Ed è stato incredibilmente toccante. Edeshko insieme all'attore che interpretava Ivan Ivanovich. Gli attori del film hanno già giocato diverse partite di esibizione. Parallelamente si è tenuta una pre-proiezione per i critici cinematografici per un incontro di basket. E se gli aspri critici cinematografici elogiarono cinicamente e freddamente il film, gli spettatori inesperti difficilmente riuscirono a trattenere le lacrime. Alcuni perché il basket merita il grande schermo. E altri - a causa della consapevolezza delle dimensioni delle personalità di quell'impresa. 3 secondi non è solo un episodio della partita finale. È la ciliegina sulla torta della grande torta drammatica.

Per un po 'il basket è diventato più che la base per un grande film. È diventato parte di qualcosa di più di uno sport con l'hashtag best ball game.

Problemi alle CARTILAGINI? ALLENATI così!

Messaggio precedente I matrimoni sportivi più rumorosi del 2017
Post successivo Alexandra Soldatova: per me lo sport viene prima di tutto