Come ha Conquistato il Potere Negan?

Perché il wrestling è come Game of Thrones? Regole di vita

Il wrestling è un teatro e non è affatto uno sport. Ecco perché il wrestling non è posizionato come una vera competizione per gli atleti. Qui il vincitore non è colui che è più veloce, più alto o più forte, ma colui che lo fa magnificamente e secondo il copione, in modo che la storia che ci raccontano i lottatori abbia una ragionevole continuazione o una conclusione logica. Ecco perché il wrestling è molto più simile a Game of Thrones, non all'UFC.

Il wrestling non è una scena di un film, è un film in sé. Non si tratta di uomini muscolosi e sudati che fingono di picchiarsi a vicenda; Il wrestling riguarda il modo in cui, attraverso il confronto di due atleti (e i lottatori sono, ovviamente, atleti eccezionali) viene raccontata un'intera storia, i personaggi dei personaggi vengono rivelati, l'intero spettro delle emozioni viene trasmesso.

E, soprattutto, il wrestling non finisce mai. Non è come un programma televisivo amato che ha un numero limitato di stagioni: il wrestling è attivo tutto l'anno ei personaggi sono in continua evoluzione. In questo, il wrestling è molto simile alla vita stessa. Ciò significa che ci sono molte cose da imparare nel wrestling.

Devi aiutare il tuo partner

Questo è uno dei principi di base del wrestling. I resler sono solo avversari nella storia, ma in realtà sono partner che si fidano l'uno dell'altro per la loro vita e salute, e i partner, come sai, hanno bisogno di essere aiutati. È molto semplice: non eseguirai una mossa se il tuo avversario non ti aiuta. E prima di tutto, devi cercare di non farti sembrare migliore, ma di far apparire il tuo avversario più forte, più tecnico e impressionante. Allora anche tu sembrerai lo stesso.

Perché il wrestling è come Game of Thrones? Regole di vita

Foto: RIA Novosti

Me serve un nemico per trovare la pace

Il wrestling senza opposizione è impensabile. Ogni eroe ha bisogno di un cattivo. Superman non sarebbe niente senza il dottor Luthor, Rocky non sarebbe diventato così amato se non fosse stato per Ivan Drago, e Holmes sarebbe stato significativamente perso nella sua attrattiva senza Moriarty. L'uomo moderno è più diretto verso l'interno che verso il mondo che lo circonda, quindi una persona ha bisogno di uno stimolo esterno, un nemico esterno, per allontanarsi dalla riflessione divorante. Tutto è come nella canzone di Dolphin. Il nemico è necessario perché tutto ciò che è privo di significato diventi spiegabile.

Per diventare un uomo, devi sconfiggere un uomo

Questo slogan leggendario dell'altrettanto leggendario Rick Fleur è diventato il motivo principale del modo in cui i carriera e ricevere titoli mondiali. Affinché un lottatore diventi un combattente di alto livello, deve prima sconfiggere un combattente di alto livello; e allora sarà già considerato come qualcosa di serio. Quindi nella vita: per essere l'uomo devi batterlo.

A volte la sconfitta ti rende solo più forte

Sì, suona come un cliché terribilmente logoro, ma nel wrestling (e nella vita ) a volte funziona ancora. Una sconfitta decente rafforza il lottatore agli occhi dei tifosi; quindi, è stato dopo aver perso contro Bret Hart a Wrestlemania XIV che il leggendario Steve Austin è diventato una vera superstar. Austin esausto giaceva in una pozza del suo stesso sangue, copiosamentesudore mortale e schiuma alla bocca, rifiutandosi di arrendersi a un avversario doloroso.

Austin ha perso, come ha perso conoscenza, ma allo stesso tempo ha guadagnato un enorme rispetto da parte dei tifosi e un anno dopo è diventato il campione del mondo. Esempi più recenti includono Daniel Brian, che ha perso il titolo di Wrestlemania XXVIII in un combattimento durato solo 18 secondi. Successivamente, i fan sono diventati ancora più favorevoli a Brian, credendo che gli scrittori lo trattassero ingiustamente, e presto Daniel è diventato il wrestler WWE più popolare. Dopo essersi guadagnato il feroce amore dei fan, Brian è riuscito a convincere la direzione e gli ha comunque avuto la possibilità di diventare di nuovo campione del mondo.

Cadere è un must

Il wrestling non può essere immaginato senza cadere sulla schiena: i cosiddetti paraurti ; senza di loro, nessun trucco avrebbe funzionato. Un bump eseguito correttamente, un bump eseguito al momento giusto, aggiunge solo suspense e consente allo spettatore di prepararsi per un contrattacco. Cadere è necessario anche nella vita: si arrabbia e aggiunge esperienza; non c'è successo senza cadute.

Non è il risultato che è importante, ma il processo

Grantland Rice, il fondatore del giornalismo sportivo americano, ha scritto che quando arriverà il Great Equalizer, mostrerà con un pennarello non il risultato della tua partita, ma scriverà come ci hai giocato e come ti sei mostrato. L'idea è molto idealistica, ma dopo tutto, la felicità è davvero un processo, non un risultato finale, quindi non dovresti valutare la tua vita esclusivamente in base ai risultati e alle vittorie. Il modo in cui una persona ha cercato di realizzare i propri sogni è altrettanto importante. L'eredità del wrestling (così come quella umana) non è misurata dalle partite e dai titoli vinti - cosa più importante, quale impatto avrà il wrestler sulle generazioni future. Matt Osborne, un wrestler che ha giocato dal 1978 e più conosciuto nella seconda metà degli anni '80, interpretando il ruolo di un clown pazzo nel WWF, ha provato un sacco di espedienti durante la sua carriera, ma non ha vinto un solo titolo significativo. Troppo diretto e onesto, Osborne non godeva della fiducia del management e lo costrinsero ripetutamente a esibirsi in espedienti per lo più stupidi, ma Matt, grazie al suo talento naturale, carisma e atteggiamento nei confronti del wrestling, ottenne comunque una relativa popolarità tra i fan e lasciò i posteri con un aiuto visivo, come non mollare e anche dai personaggi più assurdi regalatigli dagli sceneggiatori, per scolpire qualcosa di utile. E tale riconoscimento è molto più importante di qualsiasi titolo mondiale.

Devi amare quello che fai

Il wrestling non è un'occupazione che richiede grandi soldi o grande fama. Pochissimi lottatori guadagnano davvero un sacco di soldi esclusivamente dal wrestling e pochissimi lottatori diventano veramente popolari al di fuori della ristrettissima comunità di fan di questo intrattenimento sportivo. Inoltre, il wrestling è più dannoso che benefico, perché farlo non è solo doloroso, ma estremamente doloroso, e le cadute costanti sulla schiena, sul collo, colpi alla testa e non sono vani. Dovrebbe essere chiaro che i lottatori abbastanza spesso sperimentano la reciprocaun vero dolore, a caccia di più spettacolarità e intensità, anche se il wrestling non è un po 'reale. Tuttavia, ci sono molti atleti in tutto il mondo la cui professione è interpretare combattimenti teatrali sul ring; e questo nonostante sappiano per certo che i soldi e la fama non sono ciò che promette la strada che hanno scelto. E, credimi, per lottare per molti anni, devi amare in modo fantastico quello che fai. Che è ciò che auguro a tutti.

The Last of the Game of Thrones Hot Takes

Messaggio precedente Cinque fatti sui nuovi gadget di Apple
Post successivo Gran Fondo Russia: a fine stagione