RICREIAMO I TIK TOK DI COPPIA PIÙ VIRALI! *Dominick si è fatta male*

Puoi imparare lo yoga per tutta la vita. Ti diremo da dove cominciare

Il principale evento di snowboard di questa primavera, Quiksilver New Star Camp , si svolgerà molto presto, all'interno del quale non solo puoi chiudere la stagione in compagnia di persone spericolate che la pensano allo stesso modo, ma anche semplicemente rilassarti in montagna. Il programma ha molte attività pianificate da Roxy. Gli allenamenti yoga quotidiani sono un must. Dopo tutto, riposare senza yoga è uno spreco di denaro, e le montagne non sono montagne, se non le incontri l'alba di buon umore e con una carica di vigore per il giorno a venire.

Puoi imparare lo yoga per tutta la vita. Ti diremo da dove cominciare

Foto: Quiksilver New Star Camp

Ogni giorno, lo yoga ha sempre più fan che vogliono conoscere l'intero mistero e la profondità degli insegnamenti indiani. Cosa c'è di così speciale e in che modo l'applicazione delle pratiche spirituali può aiutarti davvero a diventare migliore? Scopriamolo insieme all'istruttore di yoga Yoga_method Mikhey Pavlov .

Nome completo: Pavlov Mikhail Borisovich
Noto anche come Micah
Hobby: fotografia, arrampicata su roccia, motocicloturismo
Maestro di sci e snowboard.
Esperienza pratica: 11 anni di pratica personale,
4 anni di pellegrinaggio, insegnamento yoga per 7 anni.
Vive e lavora tra India, Mosca, Egitto e Crimea.

- Mikhail, sei arrivato allo yoga dopo un infortunio in montagna. Perché lo yoga e non qualsiasi altro insegnamento?
- A quel tempo mia moglie era una delle prime terapiste di yoga in Russia. Mi ha riabilitato, quindi non avevo molta scelta ( sorride ). Era esclusivamente sotto forma di terapia e riabilitazione dopo un infortunio. Poi lo yoga mi ha coinvolto, e poi è iniziato e se n'è andato.

- Che cosa è più attraente per te nello yoga?
- Il più attraente nello yoga sono i suoi obiettivi e la trasformazione, che succede alle persone. Influenze positive a livello del corpo, a livello di coscienza. Questa, credo, sia la cosa più importante nello yoga.

- Cosa yoga per te? È più legato allo sport o all'illuminazione spirituale? Forse questo è il perfetto equilibrio tra il controllo del tuo corpo e della tua mente?
- Per me, questo è un percorso spirituale. Io stesso non faccio ginnastica yoga da diversi anni, ora le pratiche completamente diverse sono sparite. Per quanto riguarda l'equilibrio perfetto, penso che tu abbia parzialmente ragione. Questa è una mossa abbastanza versatile in cui puoi investire molto. Ci sarà un equilibrio, ovviamente, ma lo yoga ha obiettivi leggermente diversi.

- Come sei arrivato a insegnare? Cosa ti ha spinto ad insegnare yoga ad altre persone?
- Era una richiesta esterna. Ho iniziato a insegnare 18 anni fa. Eravamo pochi, la comunità era piccola, quindi me l'hanno chiesto. Era interessante e poi non c'erano corsi, imparavano gli uni dagli altri dai libri, su tutto il resto. C'era semplicemente un gruppo di personeerano interessati a questo argomento.

- C'è qualcosa di unico nel tuo stile di insegnamento?
- Abbiamo un equilibrio tra la ginnastica yoga tradizionale, che si è formata negli ultimi 100 anni e tendenze del fitness moderno. Questo è un tentativo di spiegare in linguaggio moderno alcune cose che esistono da secoli. Abbiamo molte caratteristiche, ma è questa pratica che ci permette di preservare le tradizioni e spiegarle alle persone.

- È necessario aderire a qualche dieta in questa pratica? In caso affermativo, quale? Dieta, restrizioni, divieto di un certo tipo di cibo?
- Ci sono due approcci: moderno e classico. L'approccio moderno dice di scegliere ciò che fa per te e dovrebbe essere il più efficace possibile. L'approccio classico prevede l'adesione a una dieta vegetariana, e questo è del tutto inequivocabile. Esiste una dieta vegana, una dieta di cibi crudi. In generale, vegetariano. Ciò è dovuto a una certa filosofia yoga. Se seguiamo l'approccio classico, allora scegliamo il vegetarianismo, se moderno, quindi scegliamo tutto ciò che è più efficace in modo che la nostra pratica sia la più efficace. Di regola, molti vengono al vegetarianismo, iniziano a rinunciare a carne, cibo ruvido e tossico. Questa è una domanda naturale. Nessuno insiste su questo, e io di certo non insisto. Ognuno decide per se stesso.

- Qual è la cosa più difficile per te? Hai incontrato difficoltà durante la padronanza dello yoga?
- Per me personalmente, la cosa più difficile nello yoga è mantenere un equilibrio tra la vita sociale e la vita di uno yogi, da cui si forma la filosofia. Ho avuto problemi con gli infortuni solo all'inizio dello sviluppo. Anche le cattive abitudini interferivano, quindi dovevo anche combattere con loro. Ho dovuto purificare il mio corpo. Ma la mia preoccupazione principale era sopravvivere e camminare con le mie gambe senza stampelle.

- Perché molti yogi chiamano le montagne un luogo di potere? Cosa significa per te questo concetto? Come determinare il tuo luogo di potere?
- Tradizionalmente, questi erano luoghi dell'eremitismo. Dove non c'erano persone, dove ti potevi nascondere da occhi indiscreti. Perché in pianura c'era un'attività di vita piuttosto burrascosa, e in montagna potevi prenderti cura di te stesso, del tuo corpo, della trasformazione, dello spirito. C'è anche un elemento di ipossia nelle montagne ad alta quota, che gli yogi usavano attivamente nelle loro pratiche. È molto più facile ottenere risultati in montagna. Era conveniente in termini di pratica. Gli insegnanti sono tradizionalmente inviati nei luoghi di potere. Cioè, l'insegnante ti dice di fare le valigie e andare lì. Bene, stai andando lì.

- Hai viaggiato nel sud-est asiatico. Hai acquisito conoscenze e abilità lì? Che cosa hai imparato esattamente?
- Sì, ho appena viaggiato in luoghi diversi dove vivono praticanti indiani con tradizioni interessanti. Ma non c'erano solo yogi indiani, c'erano anche nepalesi, americani, europei. Ho parlato con loro e ho assorbito tutto come una spugna. Tutto è interessante per te. Quando le informazioni sono diventate disponibilidi sicuro, ho già fatto altre cose.

- Nomina alcune delle tue asana preferite. Perché esattamente?
- Le mie asana preferite sono curve in avanti da qualsiasi posizione. In piedi, seduto, tutte le opzioni. Un altro asana invertito, perché ha un effetto molto benefico sul corpo e sulla mente. Si chiama inversione.

- Hai intenzione di svilupparti ulteriormente nello yoga? Hai qualche idea sul futuro?
- Sì, assolutamente. Dopo un po 'di tempo, voglio trasferirmi in India e restare a vivere lì. Voglio continuare a imparare. Puoi imparare lo yoga per tutta la vita. È anche importante essere vicini al mentore qui. Vorrei che ci fossero più momenti del genere nella vita.

Che cos'è un capolavoro? 1° incontro. Giotto: Madonna di Ognissanti.

Messaggio precedente In un colpo solo. Lo squash è uno sport che ti aprirà il mondo
Post successivo Quando puoi bere l'acqua: prima, dopo o durante i pasti?